L'immensa sputtanata a Zelig

Il blog che si sta visitando potrebbe utilizzare cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. fai click qui per leggere l'informativa Navigando comunque in StrakerEnemy acconsenti all'eventuale uso dei cookies; clicka su esci se non interessato. ESCI
Cliccare per vederla

Scopo del Blog

Raccolgo il suggerimento e metto qui ben visibile lo scopo di questo blog.

Questo e' un blog satirico ed e' una presa in giro dei vari complottisti (sciacomicari, undicisettembrini, pseudoscienziati e fuori di testa in genere che parlano di 2012, nuovo ordine mondiale e cavolate simili). Qui trovate (pochi) post originali e (molti) post ricopiati pari pari dai complottisti al fine di permettere liberamente quei commenti che loro in genere censurano.

Tutto quello che scrivo qui e' a titolo personale e in nessun modo legato o imputabile all'azienda per cui lavoro.

Ciao e grazie della visita.

Il contenuto di questo blog non viene piu' aggiornato regolarmente. Per le ultime notizie potete andare su:

http://indipezzenti.blogspot.ch/

https://www.facebook.com/Task-Force-Butler-868476723163799/

Thursday, May 30, 2013

NUOVO ORDINE MONDIALE: COME SI STERMINA L'UMANITA'

http://sulatestagiannilannes.blogspot.co.uk/2013/05/nuovo-ordine-mondiale-come-si-stermina.html

NUOVO ORDINE MONDIALE: COME SI STERMINA L'UMANITA'



Kissinger & Napolitano


di Gianni Lannes
Ecco le prove del genocidio in atto. Per sapere quale futuro (presente) catastrofico ci attende, o meglio già in atto, è utile la lettura del documento NATIONAL SECURITY MEMORANDUM NSM-200. Si tratta di un documento sulla crescita della popolazione mondiale richiesto da Henry Kissinger e pubblicato in forma segreta nel 1974. L’atto ufficiale è stato declassificato nel 1989. 

L’essenza del testo è l’ambiguità  che svela come le premesse di molti problemi attuali - guerra ambientale (scie chimiche), terremoti, AIDS ed Ebola in Africa, "tsunami"   particolari, trome d'aria inusuali, carestie interminabili, esperimenti di controllo meteorologico, eccetera... eccetera... - siano state progettate 4 decenni fa dal braccio destro del presidente U.S.A. Richard Nixon. 
Kissinger Henry notoriamente a livello inernazionale e nazionale con mani grondante del sangue di milioni di esseri umani, è stato ricevuto dal capo del Quirinale Giorgio Napolitano (associato all’Aspen Institute, ente a sua volta finanziato dal Bilderberg Group di cui l’illuminato Kissinger è un’ombra operativa):

Kissinger è il criminale che reclutava per la Central Intelligence Agency i prigionieri nazisti da riciclare negli States, il mafioso che firmò la condanna a morte di Salvador Allende e di oltre trentamila desaparecidos (e che nello stesso anno si aggiudicava il Nobel per la Pace); insomma, l’assassino che minacciò di morte Aldo Moro e ne decretò l’omicidio nel 1978, la mente che ideò il piano Condor per controllare con le dittature l'America Latina.
Secondo la vulgata dominante di questi assassini ai vertici delle nazioni (NWO) che imperano con la violenza sulla Terra, se le risorse alimentari non sono sufficienti ad alimentare l’umanità, è preferibile lasciar morire miliardi di persone. E magari si dà una mano a questo processo in atto.
Ecco un estratto:
«The political consequences of current population factors in the LDCs -- rapid growth, internal migration, high percentages of young people, slow improvement in living standards, urban concentrations, and pressures for foreign migration -- are damaging to the internal stability and international relations of countries in whose advancement the U.S. is interested, thus creating political or even national security problems for the U.S. In a broader sense, there is a major risk of severe damage to world economic, political, and ecological systems and, as these systems begin to fail, to our humanitarian values…
Moderation of population growth offers benefits in terms of resources saved for investment and/or higher per capita consumption. If resource requirements to support fewer children are reduced and the funds now allocated for construction of schools, houses, hospitals and other essential facilities are invested in productive activities, the impact on the growth of GNP and per capita income may be significant. In addition, economic and social progress resulting from population control will further contribute to the decline in fertility rates. The relationship is reciprocal, and can take the form of either a vicious or a virtuous circle. This raises the question of how much more efficient expenditures for population control might be than in raising production through direct investments in additional irrigation and power projects and factories…
World policy and programs in the population field should incorporate two major objectives:
 (a) actions to accommodate continued population growth up to 6 billions by the mid-21st century without massive starvation or total frustration of developmental hopes; and  (b) actions to keep the ultimate level as close as possible to 8 billions rather than permitting it to reach 10 billions, 13 billions, or more…
We must take care that our activities should not give the appearance to the LDCs of an industrialized country policy directed against the LDCs…
There is an alternate view which holds that a growing number of experts believe that the population situation is already more serious and less amenable to solution through voluntary measures than is generally accepted. It holds that, to prevent even more widespread food shortage and other demographic catastrophes than are generally anticipated, even stronger measures are required and some fundamental, very difficult moral issues need to be addressed. These include, for example, our own consumption patterns, mandatory programs, tight control of our food resources. In view of the seriousness of these issues, explicit consideration of them should begin in the Executive Branch, the Congress and the U.N. soon. (See the end of Section I for this viewpoint)…».
Traduzione:
«Le conseguenze politiche delle dinamiche in corso nei paesi sottosviluppati - crescita rapida, migrazioni interne, alte percentuali di gioventù, crescita lenta degli standard di vita, concentrazioni urbane, e spinte causate da immigrazione esterna - vanno a discapito della stabilità interna e delle relazioni internazionali dei paesi nel cui sviluppo gli Stati Uniti sono interessati, creando quindi dei problemi di natura politica, o addirittura di sicurezza nazionale, per gli Stati Uniti. Più in generale, c'è il forte rischio di danneggiare gravemente gli equilibri economici, politici ed ecologici mondiali, e quindi, con il decadere di questi equilibri, anche i nostri principi umanitari…
Una crescita moderata della popolazione offre vantaggi in quanto i beni risparmiati possono o essere investiti, oppure permettere un più alto standard di vita individuale (un maggiore consumo pro-capite). Se diminuiscono i beni da accantonare per mantenere meno bambini, e i soldi previsti per costruire scuole, case ed ospedali vengono investiti in attività produttive, gli effetti sulla crescita del prodotto nazionale lordo e sul benessere individuale potrebbero essere notevoli. Inoltre, la crescita socio-economica risultante dalla limitazione delle nascite contribuirebbe ulteriormente al loro abbassamento. Il rapporto (fra benessere e bassa natività) è reciproco, e può prendere l'aspetto di un circolo sia vizioso che virtuoso. Questo porta a domandarsi quanto più efficaci possano essere degli investimenti diretti a controllare il livello della popolazione, piuttosto che non a incrementare la produzione con nuove irrigazioni, maggiore energia o numero di fabbriche…
Le strategie e i programmi mondiali in campo demografico dovrebbero contemplare due obbiettivi primari:
a) interventi per permettere una crescita stabile della popolazione mondiale fino a 6 miliardi, per la metà del secolo 21°, senza deprivazioni massificate o mancanza assoluta di speranze di sviluppo, e
b) interventi per contenere il tetto massimo il più vicino possibile agli 8 miliardi, e non permettergli di arrivare ai 10, o 13 miliardi, o ancora di più…
Dobbiamo stare attenti a non dare ai nostri interventi l'apparenza di giocare a favore di una nazione industrializzata contro quelle sottosviluppate…
Vi è una diversa scuola di pensiero, che dice che un crescente numero di esperti ritenga la situazione demografica mondiale molto più grave, e molto meno addomesticabile con misure volontarie, di quanto generalmente si pensi. Si sostiene che, per evitare una insufficienza di risorse ed altre catastrofi demografiche ancora maggiori di quelle previste, siano necessarie misure d'intervento ancora più radicali, che ci porteranno ad affrontare questioni di delicato ordine morale. Ciò include, ad esempio, [una revisione del]le nostre stesse abitudini consumistiche, pianificazioni obbligatorie, o uno stretto controllo sulle nostre risorse alimentari. Vista l'importanza di tali argomenti, se ne suggerisce al più presto una aperta valutazione da parte del ramo esecutivo, del parlamento, e delle Nazioni Unite…».
National Security Study Memorandum 200: Implications of Worldwide Population Growth for U.S. Security and Overseas Interests:

10 comments:

  1. interventi per permettere una crescita stabile della popolazione mondiale fino a 6 miliardi, per la metà del secolo 21°...

    Aho lannes, non ti sei accorto che siamo appena all'inizio del 21° secolo e abbiamo già superato i 7 miliardi ????

    ReplyDelete
  2. forse quel cazzaro di lanes farebbe bene a curarsi

    ReplyDelete
  3. This comment has been removed by the author.

    ReplyDelete
  4. il nuovo ordine mondiale vuole sterminare l'umanità con le scie chimiche.
    Lannes vuole sterminare l'intelligenza con le sue cazzate

    ReplyDelete
    Replies
    1. E ha piu' probabilita' di riuscire lui nel suo intento che non il nuovo ordine mondiale!

      Delete
  5. Notare le fonti, talmente segreto il complotto che i documenti sono su di un sito istituzonale... :D

    ReplyDelete
    Replies
    1. Non dimentichiamo che i complottisti sanno che il 'capo del NWO' si alza alla mattina alle otto, adora i kellog's nel latte, pranza alla una del pomeriggio e fino alle 9 di sera si dedica ai nuovi piani per la conquista del mondo, della luna e di marte, traendo spunto dai fumetti dell'Uomo Tigre e dai cartoni animati dell'ispettore Gadget

      Delete
  6. Sei arrivato tardi, lannes ... se ti svegliavi prima potevi fregare l'idea a Dan Brown ...

    ReplyDelete
  7. Sbaglio o nella prima didascalia ha invertito i nomi?

    ReplyDelete