L'immensa sputtanata a Zelig

Il blog che si sta visitando potrebbe utilizzare cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. fai click qui per leggere l'informativa Navigando comunque in StrakerEnemy acconsenti all'eventuale uso dei cookies; clicka su esci se non interessato. ESCI
Cliccare per vederla

Scopo del Blog

Raccolgo il suggerimento e metto qui ben visibile lo scopo di questo blog.

Questo e' un blog satirico ed e' una presa in giro dei vari complottisti (sciacomicari, undicisettembrini, pseudoscienziati e fuori di testa in genere che parlano di 2012, nuovo ordine mondiale e cavolate simili). Qui trovate (pochi) post originali e (molti) post ricopiati pari pari dai complottisti al fine di permettere liberamente quei commenti che loro in genere censurano.

Tutto quello che scrivo qui e' a titolo personale e in nessun modo legato o imputabile all'azienda per cui lavoro.

Ciao e grazie della visita.

Il contenuto di questo blog non viene piu' aggiornato regolarmente. Per le ultime notizie potete andare su:

http://indipezzenti.blogspot.ch/

https://www.facebook.com/Task-Force-Butler-868476723163799/

Thursday, March 21, 2013

Il microchip RFID come strumento di controllo totale sul posto di lavoro e nella vita

http://scienzamarcia.blogspot.co.uk/2013/03/il-microchip-rfid-come-strumento-di.html

Il microchip RFID come strumento di controllo totale sul posto di lavoro e nella vita

Leggiamo su vari siti italiani di un'area di servizio nella quale i dipendenti sono costretti ad indossare una cintura col microchip, così sono sotto controllo totale. Una nuova forma di moderna schiavitù. Vedi il link:


All'interno dell'articolo leggiamo:
Area di servizio Pioppa Ovest alle porte di Bologna, i lavoratori MyChef indossano una cintura con microchip per registrare che non si verifichino pause oltre i 90 secondi.
 Ovviamente l'azienda afferma che si tratti di un sistema di sicurezza in igore soprattuto la notte per tutelare la sicurezza dei dipidendenti. Ma chi ci crederebbe?

Ancora più dettagliato è l'articolo del Corriere Tessere con chip e sensori ovunque Gli uffici dei dipendenti «tracciabili» in cui si prendono in esame una serie di provvedimenti simili sempre più diffusi in varie aziende:


Come non concordare con quanto scritto in tale articolo:
Ovviamente tutto questo rende piuttosto esile il confine tra «Big Data» e «Big Brother», il «grande fratello». E la fissazione maniacale per i dati analitici, la diffusione di sensori ovunque, l'occhio fisso sul dipendente ogni momento del giorno, possono sfociare facilmente nell'inquietante o nel grottesco: una specie di «Tempi moderni» di Charlie Chaplin in versione XXI secolo.
 Come se non bastasse tutto questo orrore tecnologico ecco che su La stampa appare un articolo  che parla di un apprendista stregono, tale Warwick, docente di cibernetica in Gran Bretagna
che nel 1998 si è fatto impiantare un microchip a radiofrequenza nel braccio sinistro e nel 2002 innestare un centinaio di microelettrodi nelle terminazioni nervose dello stesso arto, il prossimo passo - spiega - «sarà un impianto cerebrale per realizzare la comunicazione direttamente da cervello a cervello. Tra sette, al massimo 10 anni».
e che ammette che tra i possibili pericoli di tali tecniche ci sarebbe il fatto che ...
«I segnali inviati del computer  potrebbero “colonizzare” sia il cervello sia l’organismo, alterandoli, tanto da diventare veri e propri virus»
Forse si dimentica il fatto che chi fornirebbe e gestirebbee tale tecnologia potrebbe manipolare le menti oltre ogni livello immaginabile fino a ridurci in totale schiavitù.

Concludo l'articolo con una testimonianza del giornalista Aaron Russo che racconta quanto gli avrebbe confidato il potentissimo e ricchissimo Rockefeller. Da tenere presente che anche certi "rilasci di informazione" che paiono causali potrebbero in realtà essere intenzionalmente programmati, essere studiati per influenzare e creare il terrore. 

Infatti sembra molto strano leggere che (http://giacintobutindaro.org/2013/02/09/attenzione-al-microchip-sotto-la-pelle/)

Nel 2007, poco tempo prima di morire, Aaron Russo (1943-2007), un produttore cinematografico americano e politico, durante una intervista rilasciata al giornalista Alex Jones, parlò di alcune cose che aveva saputo personalmente da Nicholas Rockefeller (di cui era stato per un tempo amico) sull’intento di una elite di governare il mondo intero.
Russo affermò infatti che Rockefeller gli chiese, durante una conversazione privata, se fosse disposto a far parte del Consiglio per le Relazioni Estere (Council on Foreign Relations, CFR) – che è uno di quei gruppi facenti parte degli Illuminati i quali vogliono instaurare il Nuovo Ordine Mondiale – ma Russo rifiutò l’invito spiegando di non essere interessato a ‘schiavizzare la gente’. Russo poi disse: ‘Gli chiesi quale era il senso di tutto ciò’. Aggiunsi: ‘Avete tutto il denaro e tutto il potere di cui avete bisogno, quale è il vostro fine ultimo?”. Rockefeller rispose: ‘Il fine ultimo è di far mettere in tutti il microchip, per controllare l’intera società, per far controllare il mondo dai banchieri e dagli appartenenti all’élite’.  
E mi chiedo, come possa mai Aaron Russo, che realizza film di denuncia del fascismo americano e delle guerre insensate degli USA, essere stato amico di Rockefeller e poi ricevere da lui queste confidenze poco prima di morire, ovvero quando ormai si era da tempo chiarito come Russo e Rockefeller fossero assolutamente antitetici, come il diavolo e l'acqua santa.  
Ciò non toglie che il progetto di sostituire la moneta reale con quella elettronica è in fase avanzata di attuazione e che la possibilità di sostituire i bancomat con un microchiop RFID impiantato nel corpo umano è più che mai realizzabile con le tecnologie attuali. In fin dei conti tutti i cani ed i gatti sono già stati microchippati  ...


Maggiori informazioni reperibili al link:

http://giacintobutindaro.org/2013/02/09/attenzione-al-microchip-sotto-la-pelle/

11 comments:

  1. Aaron Russo rvela prima di morire ciò che gli fu rivelato, prima di morire, da Rockefeller....
    Le fonti dei complottardi sono sempre più attendibili.
    Stercher ci farà almeno un paio di pezzi sopra.

    ReplyDelete
  2. non mi meraviglio di leggere queste scemenze, in fin dei conti solo il penna può pubblicare certe boiate trite e ritrite sul suo blog

    ReplyDelete
  3. Ragazzi ci hanno beccati, Rosario Stercher sa la verità, le scie non cominciano nel 95.

    Rosario Marcianò No, è molto parziale. Tanto per fare un esempio... le scie chimiche sono presenti anche in Russia, Cina, India, Brasile, Argentina, Messico, Perù... e sono iniziate in Africa negli anni settanta del XX secolo.
    45 minuti fa · Modificato ·

    Ma si dimentica le balle che racconta o è una mia impressione?

    ReplyDelete
    Replies
    1. Straker, ha ragione Task Force Butler!

      Delete
    2. Beh, se l'uomo sapiens è originario dell'Africa e poi da lì si è diffuso su tutto il pianeta, è ovvio che le scie siano originarie dell'Africa.
      Strakkino, sei un coglione.

      Ubi maior, Strakkino cessat.

      Delete
  4. Ciò non toglie che il progetto di sostituire la moneta reale con quella elettronica è in fase avanzata di attuazione e che la possibilità di sostituire i bancomat con un microchiop RFID impiantato nel corpo umano è più che mai realizzabile con le tecnologie attuali.

    Sì, e che che minchia metti, nella fessura del bancomat, l'avambraccio? E se ti trovi in un posto dove non esistono ATM del genere che cazzo fai?

    In fin dei conti tutti i cani ed i gatti sono già stati microchippati ...

    Ma vaHgare, straccione che non sei altro.

    ReplyDelete
    Replies
    1. "Ciò non toglie che il progetto di sostituire la moneta reale con quella elettronica è in fase avanzata di attuazione e che la possibilità di sostituire i bancomat con un microchiop RFID impiantato nel corpo umano è più che mai realizzabile con le tecnologie attuali."
      Che sia teoricamente (MOLTO teoricamente) realizzabile puo' essere vero.
      Ma che "il progetto di sostituire la moneta reale con quella elettronica" implichi il chip RFID dove caspio sta scritto? Cannaiolo, mai sentito parlare di bancomat o carte di credito? Anche quelle sono "moneta elettronica", NON richiedono chip RFID, sono una cosa fantastica (io compro quasi tutto col bancomat) e sono diffussisime. Oh, scusa, lo sono tra le persone NORMALI. Gia', tu ne sei escluso.

      Delete
  5. ‘Il fine ultimo è di far mettere in tutti il microchip, per controllare l’intera società, per far controllare il mondo dai banchieri e dagli appartenenti all’élite’.

    Oh mio Dio, pensavo che i complottisti si inventavano qualcosa di più sensato. Sempre per quanto possa essere sensata una teoria complottista.

    I cani ed i gatti possono essere microcippati solo su consenso del padrone.

    ReplyDelete
  6. "il prossimo passo [...] sarà un impianto cerebrale per realizzare la comunicazione direttamente da cervello a cervello. Tra sette, al massimo 10 anni" ... e che ammette che tra i possibili pericoli di tali tecniche ci sarebbe il fatto che ... IN ALCUNI NON SI POTREBBE FARE PERCHE' IL CERVELLO PROPRIO NON CE L'HANNO!!!

    ReplyDelete
  7. ecco un altro IDIOTA IGNORANTE E INCAPACE. al 100.000% ha votato movimento 5 stelle.
    D'altronde i FORSE, molto FORSE, onesti pentastellati hanno dimostrato di credere alla cazzate del DHMO, quindi questi NINUS HABENS è in buona compagnia.
    insomma per esser grillini non è necessario l'idiozia, ma AIUTA MOLTO

    ReplyDelete