L'immensa sputtanata a Zelig

Il blog che si sta visitando potrebbe utilizzare cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. fai click qui per leggere l'informativa Navigando comunque in StrakerEnemy acconsenti all'eventuale uso dei cookies; clicka su esci se non interessato. ESCI
Cliccare per vederla

Scopo del Blog

Raccolgo il suggerimento e metto qui ben visibile lo scopo di questo blog.

Questo e' un blog satirico ed e' una presa in giro dei vari complottisti (sciacomicari, undicisettembrini, pseudoscienziati e fuori di testa in genere che parlano di 2012, nuovo ordine mondiale e cavolate simili). Qui trovate (pochi) post originali e (molti) post ricopiati pari pari dai complottisti al fine di permettere liberamente quei commenti che loro in genere censurano.

Tutto quello che scrivo qui e' a titolo personale e in nessun modo legato o imputabile all'azienda per cui lavoro.

Ciao e grazie della visita.

Il contenuto di questo blog non viene piu' aggiornato regolarmente. Per le ultime notizie potete andare su:

http://indipezzenti.blogspot.ch/

https://www.facebook.com/Task-Force-Butler-868476723163799/

Saturday, January 24, 2015

Lanciano ti dà una mano

http://www.tankerenemy.com/2015/01/lanciano-ti-da-una-mano.html

Lanciano ti dà una mano

Nel provvedimento del Tribunale di Lanciano (Abruzzo) a firma del P.M. Dottoressa Rosaria Vecchi, il sottoscritto è avvisato di conclusione indagini in merito ad una supposta diffamazione a danno del meteorologo abruzzese Angelo Ruggieri. Su tale circostanza è bene evidenziare come i commenti contestati sono palesemente vergati da altro soggetto che si spaccia per lo scrivente. Non bisogna dimenticare nemmeno che la parte lesa è in rapporti di amicizia con diversi protagonisti di altri procedimenti imbastiti a carico di Rosario Marcianò. Omettiamo qui di elencarli tutti, poiché sono già noti...



E' necessario anche osservare come il famigerato Federico De Massis (residente a Pescara e fratello di Fabio, avvocato del foro di Pescara), alias Task Force Butler, sia perfettamente a conoscenza e nei dettagli di tale ultimo procedimento, così come degli altri sette, nonché di udienze che si sono tenute presso il Tribunale di Imperia. Udienze ex novo (e non quindi rinvii) delle quali né lo scrivente né il suo legale erano stati messi a conoscenza. Tuttavia De Massis Federico... lui ne era informato! Non dimentichiamo che questo soggetto è stato più volte querelato per diffamazione, calunnia, atti persecutori, minacce, sostituzione di persona, ma nessuna Procura si è mai degnata di perseguirlo e quindi di tutelare i querelanti e cioè Antonio e Rosario Marcianò. Esiste una disparità di trattamento che esige siano ristabiliti principi di equità.



Che cosa recita il provedimento del Tribunale di Lanciano? Si afferma che è stata lesa la dignità del querelante Angelo Ruggieri e che il sottoscritto è rinviato a giudizio per il reato di diffamazione. Poi, appena al di sotto del dattiloscritto si osserva un'interpolazione (non rispondente al vero) aggiunta a posteriori da persona che non si è firmata, per cui il documento è passibile di nullità. Di chi è la nota manoscritta? Per quale motivo non riporta a fianco la firma dell'autore della... "correzione" così come prescrive la legge? Per quale motivo il documento del P.M. Dottoressa Rosaria Vecchi reca una glossa non rispondente al vero? Infatti lo scrivente, nei fatti, non è recidivo e mai ha subito condanne definitive per diffamazione! Per quale motivo il Tribunale di Lanciano nella fattispecie non competente per territorialità [1], redige e registra un porovvedimento ufficiale con postille manoscritte non rispondenti al vero? Chi è il suggeritore? Fatemi indovinare... De Massis Federico? Ne siamo certi.

Come ben si comprende, qualcuno intende fermare Marcianò con le scartoffie, ma non ci riusciranno!



[1] Il Tribunale di Lanciano non è competente per territorialità, in quanto la sede dibattimentale va ricercata nel luogo più vicino a dove sarebbe stato commesso il reato. Competenza territoriale: è l'ultima ripartizione, operante dopo l'individuazione della materia, fra i vari distretti geografici. L'art.8 c.p.p. sancisce le regole per la determinazione del giudice territorialmente competente. Innanzitutto, è competente il giudice del luogo ove è stato consumato il reato. Se a causa del reato è morto qualcuno, però, competente è il giudice dell'avvenuta azione od omissione. Nel caso di reato permanente è competente in ogni caso il giudice del luogo in cui ha avuto inizio la consumazione, mentre nel caso di delitto tentato è competente il giudice dell'ultimo atto. L'art.9 soccorre i principi generali dell'8, qualora non sono determinabili i criteri d'individuazione: il giudice competente è innanzitutto quello dell'ultimo luogo noto in cui si è svolta parte dell'azione, e qualora non fosse comunque conoscibile, competente è il giudice della residenza, della dimora oppure del domicilio dell'imputato. Se anche in questo caso fosse impossibile risalire a un criterio, competente è il giudice della sede del PM che per primo ha iscritto la notizia di reato.


[2] - Recidiva - L’articolo 99 c.p. prende in considerazione una delle circostanze legate alla persona del colpevole. La norma prevede la cd. recidiva ovvero il fatto che il reo “dopo essere stato condannato per un delitto non colposo, ne commette un altro […]”.
Per la recidiva, il Codice prevede un aumento della pena in quanto tale circostanza evidenzia un possibile nesso con concetto di capacità a delinquere (art. 133 c.p.).

- Reiterata (art. 99 quarto comma c.p.) quando il nuovo reato è commesso da chi è già recidivo. In questi casi, l’Ordinamento prevede l’applicazione di un aumento della pena fino alla metà, se si tratta di recidiva semplice o fino a due terzi, se si tratta di recidiva aggravata specifica o infraquienquennale e da uno a due terzi, se commesso durante o dopo l’esecuzione della pena o nel tempo in cui il condannato si è sottratto volontariamente alla giustizia.


13 comments:

  1. Strakkino, visto che sei certo di sapere chi è il "suggeritore", perché non denunci?
    Tanto hai le prove.
    O no?

    ReplyDelete
  2. A quanto pare la notizia di questo ottavo rinvio a giudizio deve avergli bruciato particolarmente il culo visto che l'ha spammata oltre che sulla fogna principale, su quella personale e sulla discarica dello Zretino.

    ReplyDelete
  3. starkkino CRIMINALE di merda, è inutile che tu faccia finta di niente, è appurato che il COGLIONE CHE DIFFAMATO SEI TU

    ReplyDelete
  4. Chiunque subisca processi o accuse (sue) senza venir condannato è protetto dai magistrati e fa parte del sistema...
    ... ma se....
    "Infatti lo scrivente, nei fatti, non è recidivo e mai ha subito condanne definitive per diffamazione!"
    (con tutte le scenette che ha passato, i suoi adepti, fake compresi (ne sarebbero capaci) due calcoli dovrebbero farseli)
    Ciao a tutti!!

    ReplyDelete
  5. Illuminante la dialettica:



    tommix1 mese fa

    Caro Rosario, strafottenti come dei bambini col genitore dietro.
    Loro hanno lo StatoMafia dietro, sono come bambini,
    hanno deciso di passare una vita inutile, moriranno malissimo.
    Rispondi · 5
    Nascondi risposte

    tommix1 mese fa

    io sono per l'aborto dei feti nati cattivi.
    Rispondi · 2

    Rosario Marcianò1 mese fa

    +tommix Concordo. Anzi... se il feto diventerebbe magistrato, meglio sopprimerlo prima.

    ReplyDelete
  6. Fossi in De Massis ti querelerei Strakky'! Le solite farneticazioni di Rosario.

    ReplyDelete
  7. Leggendo attentamente la normativa si evince, mio caro stakkino, che la recidiva si applica alla condanna (anche in primo grado), non alla condanna in via definitiva, ovvero dopo i famosi tre gradi di giudizio fino alla Cassazione.

    Spiacente per te... ma anche no :D :D :D

    http://www.brocardi.it/codice-penale/libro-primo/titolo-iv/capo-ii/art99.html

    (1) La norma si occupa dell'istituto della recidiva, cioè della ricaduta nel delitto da parte del soggetto, nelle sue diverse forme. Il comma in esame, ad esempio, si riferisce alla recidiva semplice, ovvero quella che si configura quando un soggetto abbia già subito una condanna irrevocabile per altro delitto non colposo, ma di diversa indole.

    ReplyDelete
    Replies
    1. non sono un avvocato, ma mi pare proprio che la definitività della condanna (oltre alla conferma da parte della Cassazione) possa semplicemente consistere nel passaggio in giudicato della sentenza di primo o di secondo grado: nel senso che lo sQUACKquerone©®™ riuscirà a tirarla in lungo convincendo i suoi gonzi a scucire quattrini per sostenere appelli e ricorsi per 8 (otto!) cause che occhio e croce si è andato a cercare col lanternino, o si dovrà fermare prima?

      Delete
  8. La cosa divertente è che quando arriveranno le condanne poi si cumuleranno "effetto Fabrizio Corona" e allora si che saranno dolori!
    Non ci sarà da stupirsi dal vedere lo Strakkino condannato a diversi anni complessivi... poi tutti a piangere per la "condanna spropositata" quando le condanne magari sono 6 o 7....

    ReplyDelete
  9. Per stracchino altra causa, altri avvocati da assumere ed in piú sará costretto a muovere il suo culone per essere presente alle udienze che non sono vicino casa. Rosario, guarda la presenza via skype non é prevista :D :D :D


    Straker ...


    PUPPA !!!!!

    ReplyDelete
  10. Mi perderò le udienze a Lanciano. Peccato.

    ReplyDelete
  11. SUPPOSTA ??? usa pure il plurale, almeno 8!!
    and counting...

    ReplyDelete