L'immensa sputtanata a Zelig

Il blog che si sta visitando potrebbe utilizzare cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. fai click qui per leggere l'informativa Navigando comunque in StrakerEnemy acconsenti all'eventuale uso dei cookies; clicka su esci se non interessato. ESCI
Cliccare per vederla

Scopo del Blog

Raccolgo il suggerimento e metto qui ben visibile lo scopo di questo blog.

Questo e' un blog satirico ed e' una presa in giro dei vari complottisti (sciacomicari, undicisettembrini, pseudoscienziati e fuori di testa in genere che parlano di 2012, nuovo ordine mondiale e cavolate simili). Qui trovate (pochi) post originali e (molti) post ricopiati pari pari dai complottisti al fine di permettere liberamente quei commenti che loro in genere censurano.

Tutto quello che scrivo qui e' a titolo personale e in nessun modo legato o imputabile all'azienda per cui lavoro.

Ciao e grazie della visita.

Il contenuto di questo blog non viene piu' aggiornato regolarmente. Per le ultime notizie potete andare su:

http://indipezzenti.blogspot.ch/

https://www.facebook.com/Task-Force-Butler-868476723163799/

Saturday, January 3, 2015

Esiste il male?


http://zret.blogspot.ch/2015/01/esiste-il-male.html

Esiste il male?


Il materialismo e lo spiritualismo sono soperchierie. (C. G. Jung)

Un po’ di tempo fa ho incontrato alcuni miei ex allievi con cui ho avuto il piacere di sviscerare, quasi fosse un dialogo di Platone, alcuni argomenti abissali. [chissa' quanto si sono divertiti gli ex-allievi...]

Abbiamo deciso di stabilire il presupposto secondo cui il male non esiste. Tutti gli esseri viventi, in misura maggiore o minore, lo sperimentano, ma si può arguire che il male oggettivamente sussiste? E’ sufficiente una valutazione personale per attestarne la presenza?

Gli atei e materialisti, manifestando ragionevolezza, negano la presenza del male, poiché reputano che tutto avvenga secondo necessarie leggi di natura. Se il ghepardo sbrana la gazzella, siamo di fronte ad una situazione del tutto naturale. Anche se un astro, esplodendo, causa la fine di numerose e raffinate civiltà galattiche, assistiamo ancora ad un evento normale, inscritto nei processi fisici del cosmo. La natura è quel che è: ciò che gli uomini percepiscono come doloroso o ingiusto, dipende solo da un giudizio di valore, giacché non sussiste nelle cose. Secondo tale concezione, ha torto Siddharta Gautama quando lamenta che “la vita è dolore”. No, la vita è così e basta. La natura può sembrare crudele, ma è perfetta.

In modo quasi paradossale i new agers, che si piccano di essere spiritualisti, sono d’accordo con i materialisti: essi ripetono che “tutto è perfetto”. Secondo questa interpretazione, pure il caso-limite di uno psicopatico che tortura un bambino per settimane e che lo uccide dopo aver inflitto alla vittima inaudite sofferenze, sarebbe razionale, possedendo una sua logica indefettibile. E’ spiegato con i soliti argomenti: il karma e la necessità di evolvere. Una summa di questo pensiero si può leggere in un articolo di Luciano Giannazza intitolato “E’ colpa tua”: stando all’autore tutto quello che ci accade, di bello e di brutto, sarebbe stato deciso da noi a priori per evolvere… c’est naturel! Prendiamo un altro caso estremo: il giovane che qualche giorno addietro è stato ustionato con l’acido da una sua ex fidanzata, prima di rinascere, avrebbe stabilito che per lui sarebbe stato molto istruttivo e di enorme giovamento sul piano spirituale incorrere in questo piccolo contrattempo. Et voilà: è stato accontentato!

E’ ovvio che sia i materialisti sia i new agers inciampano in alcune difficoltà teoriche, ma i primi sono maggiormente da apprezzare: infatti, con coerenza, negano il male ma pure Dio e l’immortalità dell’anima. Certo non sanno spiegare né come né perché sorga il male umano, quel surplus di violenza del tutto incompatibile con la struggle for life. Uccidere per sopravvivere è un fatto di natura, ma il seviziare ha una funzione darwiniana? E’ indubbio: anche certi animali seviziano, ma tale comportamento sembra avere una sua valenza biologica: la gatta che tormenta il topolino, dopo averlo catturato, insegna ai gattini come cacciare le prede.

Nel complesso le aporie che devono affrontare i materialisti sono meno ostiche di quelle su cui scivolano i new agers. I materialisti abbracciano anche l’idea del determinismo che è una forma di fatalismo: tutto avviene secondo precise leggi di natura. Giustamente essi non si interrogano sul problema del male, ma sbagliano, come i new agers, quando s’impegnano in crociate contro la superstizione e le ingiustizie sulla Terra. Se non sussiste il male, non ha ragion d’essere neppure l’etica, che è distinzione tra bene e male: perciò di fronte alle sciagure, alle guerre, all’ignoranza, all’oscurantismo, il vero ateo materialista deve rimanere indifferente, come è imperturbabile al cospetto di un ragno che divora un insetto.

Gli “spiritualisti”, invece, vogliono salvare capra e cavoli: affermano il libero arbitrio, ma lo neutralizzano con l’idea del karma; dichiarano che tutto è perfetto, compiuto, ma spronano gli uomini affinché maturino ed evolvano; siamo noi a costruire l’esistenza ed il mondo, ma seguendo un percorso predeterminato a priori in modo inconsapevole. Ne risulta un guazzabuglio, un’accozzaglia di sciocchezze in cui ogni concetto si disintegra in una contraddizione insanabile. Il fatalismo più radicale si incista nella più recisa affermazione della libertà umana.

A proposito di incongruenze, ho notato che alcuni atei e materialisti sono propensi a credere nell’immortalità dell’anima. Ebbene, questa è una gigantesca, irriducibile incoerenza: se, infatti, esiste solo la materia-energia, l’eternità è prerogativa delle particelle del tutto prive di coscienza. Dopo il decesso ci attende il nulla e non è poi una prospettiva così spaventosa, se ricordiamo l’insegnamento di Epicuro. La sopravvivenza dell’individuo dopo la morte fisica presuppone che esista un quid immateriale ed imperituro di cui siamo parte o manifestazione: se non ci piace chiamarlo Dio, definiamolo Anima, Coscienza, Assoluto, Essenza, Essere… Raffiguriamolo anche in modo diverso da come lo presentano le religioni tradizionali, magari come un Dio imperfetto o qualcosa del genere, ma non è consequenziale escluderlo. Un irreligioso non può stare con il piede in due staffe: respingere Dio e, nel contempo, aspettarsi di continuare a vivere in un altro piano, per la “contradizion che no’l consente”.

Tornando al tema del male, è evidente che le argomentazioni dei miscredenti sono, tutto sommato, persuasive, se si prescinde da almeno un aspetto. Il male, che essi riescono ad espellere dalla porta, rientra dalla finestra, quando si considera che l’universo è intrinsecamente irrazionale, solo per il motivo che esiste. Ora l’irrazionalità, sebbene non sia sinonimo di male, implica un risvolto illogico, una mancanza di senso che ci obbligano poi ad arrampicarci sugli specchi per tentare di spiegare l’inspiegabile. Solo il Nulla è perfetto, ma il Nulla non esiste. Visto che qualcosa esiste, quel qualcosa, porta su di sé, come una tartaruga il carapace, il problema del male. Esistere (ex-sistere, ossia stare fuori) significa essere collocato nello spazio e nel tempo: spazio e tempo contengono in sé l’entropia, l’imperfezione che sono difetti del tutto.

Infine la “realtà” è codificata attraverso la lingua: essa, anzi, per molti versi precede e fonda il “reale”. Dunque se le comunità linguistiche hanno sentito l’esigenza di coniare un termine per designare il male, esso in qualche maniera esiste. Esiste nel lògos (discorso) e, in ragione di una corrispondenza biunivoca e sincronica, esiste pure nel mondo.


Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati

7 comments:

  1. Come cazzo fa un astro esplodendo a fare fuori "numerose raffinate civiltà galattiche" lo sa solo quel coglione imparato di Zret.
    Male che vada ne potrebbe seriamente danneggiare UNA... altrimenti non è una civiltà galattica e nemmeno raffinata.


    COGLIONE!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Per onor del vero, l'esplosione di una supernova può rappresentare un pericolo anche per le (molto) ipotetiche civiltà esistenti nei sistemi solari "limitrofi" (dipende ovviamente da tipo, dimensioni e distanza della stella), dato che le radiazioni emesse sarebbero tali da friggere o comunque alterare pesantemente le condizioni dei loro pianeti.
      Ad esempio, è stato stimato che una supernova che esploda a meno di 25 anni-luce (o 50, secondo altre stime) possa costituire un pericolo serio per la vita sulla terra: fortunatamente non ci sono nelle immediate vicinanze stelle che - allo stato delle nostre conoscenze - possano rientrare in tale categoria di rischio.

      Detto questo, rimangono due cose da dire:
      1 - anche alla luce di questa correzione, la frase dello Zretino rimane un'accozzaglia di cazzate immani;
      2 - Dover comunque ammettere che - pur involontariamente, perché assolutamente non credo che l'abbia detto con cognizione di causa - possa esistere una frazione infinitesimale di verità in quello che dice, mi sta creando atroci dilemmi morali.

      http://www.scienzagiovane.unibo.it/pericoli/5-supernovae.html

      http://www.meteoweb.eu/2011/12/esistono-pericoli-per-la-vita-sulla-terra-in-relazione-ad-esplosioni-di-supernovae/104831/

      Delete
    2. Giusta la tua precisazione.

      A onor del vero però il problema da me posto non è se una supernova possa danneggiare od estinguere una data civiltà: questo mi pare un fatto abbastanza assodato. A mio avviso il punto è che:

      1) presumere l'esistenza di "diverse civiltà" (4? 5? questi numeri mi vengono in mente quando sento parlare di una "diversa" quantità di cose) in un raggio di 50 anni luce da una ipotetica stella che sta per trasformarsi in una supernova è solo uno sterile esercizio di immaginazione. Spacciarlo per certezza è poi solo una stupidaggine.

      2) Se le civiltà sono poi "galattiche" significa che sono estese almeno su più sistemi stellari (e probabilmente più di due), quindi meno vulnerabili ad eventi di questo tipo.

      E' la sicumera certezza unita ai toni da scadente fantascienza anni 40 usati da Zret che sono ridicoli. Ogni argomento che affronta lo insozza con la pesantezza della sua prosa e con l'inutilità dei suoi pensieri new age.

      Delete
    3. Verissimo!
      Tant'è che la mia prima affermazione è "[...] la frase dello Zretino rimane un'accozzaglia di cazzate immani".

      Devo anche ringraziarti, in quanto mi hai risolto il dilemma morale: perché se anche si volesse interpretare la sua frase come una risibile e superficiale descrizione degli effetti di un fenomeno naturale (il che costituirebbe inoltre un paradossale negazionismo del suo essere perpetuo mistificatore della realtà), sono sicuro che NON ERA questa la sua intenzione, per cui non si corre il rischio di dargli nemmeno la più infinitesimale quantità di ragione, nemmeno per fluttuazione statistica.
      :D

      Delete
  2. Divertente come stare seduti sulla griglia del barbeque. Acceso, ovvio, sennò che divertimento c'è? :D

    ReplyDelete
  3. In ogni caso i rincoglioniti precoci esistono, zret ne è un esempio lampante ...

    ReplyDelete