L'immensa sputtanata a Zelig

Il blog che si sta visitando potrebbe utilizzare cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. fai click qui per leggere l'informativa Navigando comunque in StrakerEnemy acconsenti all'eventuale uso dei cookies; clicka su esci se non interessato. ESCI
Cliccare per vederla

Scopo del Blog

Raccolgo il suggerimento e metto qui ben visibile lo scopo di questo blog.

Questo e' un blog satirico ed e' una presa in giro dei vari complottisti (sciacomicari, undicisettembrini, pseudoscienziati e fuori di testa in genere che parlano di 2012, nuovo ordine mondiale e cavolate simili). Qui trovate (pochi) post originali e (molti) post ricopiati pari pari dai complottisti al fine di permettere liberamente quei commenti che loro in genere censurano.

Tutto quello che scrivo qui e' a titolo personale e in nessun modo legato o imputabile all'azienda per cui lavoro.

Ciao e grazie della visita.

Il contenuto di questo blog non viene piu' aggiornato regolarmente. Per le ultime notizie potete andare su:

http://indipezzenti.blogspot.ch/

https://www.facebook.com/Task-Force-Butler-868476723163799/

Saturday, November 14, 2015

Io compulso, tu compulsi, egli non compulsa


'O professò cogliò non ha tempo di compulsare i video, però sa già che è stato papa Ciccio.



  1. “Erano bianchi, erano giovani sui 25 anni. Sembravano soldati delle forze speciali”. Julian Pearce, giornalista radiofonico

    http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-europa/attentato-isis-parigi-terroristi-bianchi-come-soldati-2320367/
  2. Sembravano o erano? Siamo alle solite: la combriccola mondialista (cui appartiene pure Ciccio) ha deciso di spingere sull'acceleratore.
  3. Non ho avuto tempo di compulsare le varie fonti né di guardare i video (spuri?), ma mi è parso di notare dei crisis actors già notati altrove, in altri teatri di operazioni simili.
  4. "È l’ennesima strage ascrivibile alla strategia della tensione?

    Sì, per tre motivi:

    la magnitudo, l’organizzazione e la quantità di terroristi coinvolti non poteva sfuggire alla polizia ed ai servizi francesi, teoricamente in stato d’allerta da agosto ed a maggior ragione dopo la decisione di Hollande di bombardare l’ISIS in Siria, presa lo scorso settembre;
    è il quarto episodio di una serie di attentati riconducibili allo stragismo di Stato: due eterodiretti dai servizi (Charlie Hebdo e Saint-Quentin-Favallier) ed uno, un evidente attacco falsa bandiera (il terrorista con l’AK-47 inceppato sul treno Amsterdam-Parigi);
    a distanza di pochi minuti dall’attentato, è già partita una campagna virale sul web in stile “Je suis Charlie”, “PrayforParis”.
    Il motivo dell’ennesima strage? Si possono avanzare al momento due ipotesi: la continuazione della strategia della tensione messa in atto dal governo francese, in vista anche delle elezioni regionali del 6-13 dicembre dove è dato favorito il Front National, e/o l’utilizzo della strage per un’escalation militare in Siria e/o Yemen.

    Nelle prossime ore, o giorni, si vedrà se gli attentati saranno emulati in altre città. Quel che certo, data la sconcertante quantità di vittime, è che la notte del 13/11/2015 segna un salto di qualità nello stragismo di Stato e, quasi sicuramente, anche nella guerra per procura combattuta in Siria tra angloamericani, israeliani, francesi e monarchie sunnite da una parte e russi e potenze sciite dall’altra".

    F. Dezzani
  5. Poi qualcuno si fida ancora dello Stato. Chi è stato? E' Stato lui...

3 comments:

  1. Sai una cosa, Sterker?
    Le prime volte che leggevo le tue becere sciacallate mi facevano innervosire, e parecchio, perché anche anche allo sciacallaggio e alla mancanza di dignità c'è un limite.
    Poi le cose sono cambiate, ed ora quando leggo le tue sparate mi viene da sorridere.
    Sai perché?
    Per tre semplici motivi:
    - Perché la mammina se n'è andata (e smettetela di dire "povera donna innocente", perché se ha permesso a due idioti di crescere in questo modo un minimo di responsabilità ce l'ha pure lei), che a differenza tua qualche soldino lo portava a casa. E li hai persi;
    - Perché hai in ballo non so più quante cause. E le perderai;
    - Perché t'è rimasta solo la casetta. E la perderai.
    E tutto questo non potrai cambiarlo, né con le tue bugie, né coi tuoi deliri d'onnipotenza.

    Siamo in tanti, seduti in riva al fiume, pronti a goderci lo spettacolo quano passerai, con la faccia girata nell'acqua. Il cadavere della compassione, uccisa dal tuo inqualificabile comportamento, è già passato: per cui non aspettarti un briciolo di rispetto o di comprensione quando ti prenderemo spietatamente per il culo, nella tua disgrazia.

    ReplyDelete
  2. Tremo per gli studenti di zretino che si dovranno sorbire sti deliri oggi.

    ReplyDelete