L'immensa sputtanata a Zelig

Il blog che si sta visitando potrebbe utilizzare cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. fai click qui per leggere l'informativa Navigando comunque in StrakerEnemy acconsenti all'eventuale uso dei cookies; clicka su esci se non interessato. ESCI
Cliccare per vederla

Scopo del Blog

Raccolgo il suggerimento e metto qui ben visibile lo scopo di questo blog.

Questo e' un blog satirico ed e' una presa in giro dei vari complottisti (sciacomicari, undicisettembrini, pseudoscienziati e fuori di testa in genere che parlano di 2012, nuovo ordine mondiale e cavolate simili). Qui trovate (pochi) post originali e (molti) post ricopiati pari pari dai complottisti al fine di permettere liberamente quei commenti che loro in genere censurano.

Tutto quello che scrivo qui e' a titolo personale e in nessun modo legato o imputabile all'azienda per cui lavoro.

Ciao e grazie della visita.

Il contenuto di questo blog non viene piu' aggiornato regolarmente. Per le ultime notizie potete andare su:

http://indipezzenti.blogspot.ch/

https://www.facebook.com/Task-Force-Butler-868476723163799/

Monday, November 3, 2014

Frammento di un romanzo disperso (III)

http://zret.blogspot.ch/2014/11/frammento-di-un-romanzo-disperso-iii.html

Frammento di un romanzo disperso (III)


Il suo interlocutore tacque. Egli si accorse di aver ascoltato solo qualche frammento del lungo discorso, forse poiché, pur non ricordando nulla, nell’intimo era conscio di sapere tutto. Sapeva tutto quello che contenevano i libri delle biblioteche sparse nell’intero universo e molto di più, eppure la sua mente era affatto vuota. Perché?

Guardò fuori dalla finestra: si slargava l'emiciclo della notte. Lì il tempo annodava silenzi e destini, confondendo nascite e morti, parti di astri ed implosioni di mondi.

All'improvviso gli spazi si animarono di accordi misteriosi. Simili ai flutti dell'oceano, cominciarono a rincorrersi melodie e contrappunti, mentre le stelle, pulsando, scandivano un ritmo di luce. Nel golfo del cielo, con il movimento sinuoso degli archi e gli sprazzi degli ottoni, ruscellavano le note.

Tra le anse del firmamento splendeva l'orchestra delle costellazioni.

Continua... forse. [ma anche no, speriamo]

Leggi qui la seconda parte.

Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati

7 comments:

  1. Continua... forse.
    Ecco come si presenterebbe una eventuale continuazione:

    Riassunto della prima parte: ""

    Parte seconda: ...

    ReplyDelete
  2. Ma che merda è?!
    Non saprei da dove iniziare a segnare tutti gli errori che ci sono in sto stralcio...
    Ma davvero questo insegna anche narrativa?

    ReplyDelete
  3. Replies
    1. La scelta di "slargava", seppur corretto, è abominevole.

      Delete
  4. 'o professo' amerebbe accreditarsi come mostruoso erudito

    ReplyDelete
  5. Speriamo che il "romanzo disperso" non venga mai ritrovato.

    ReplyDelete
  6. OT segnalo che sul Corsera online di oggi c'è, in calce alla prima foto di una gallery su futilità assortite, questa bella didascalia:
    "IL FRIGGITORE D’ARIA (IN MASCHERA)
    Il rabdomante della bufala, il teorico del «me l’ha detto mio cuggino», il Gabanelli con la maschera: tanto lei indaga, verifica, produce documenti, quanto lui divaga, inventa, produce aria fritta: questa settimana la perla delle rivelazioni di Adam Kadmon (domenica, Italia 1) è stata l’esistenza degli alieni (ma anche la maledizione che affligge le conigliette di playboy non era male)
    "

    ReplyDelete