L'immensa sputtanata a Zelig

Il blog che si sta visitando potrebbe utilizzare cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. fai click qui per leggere l'informativa Navigando comunque in StrakerEnemy acconsenti all'eventuale uso dei cookies; clicka su esci se non interessato. ESCI
Cliccare per vederla

Scopo del Blog

Raccolgo il suggerimento e metto qui ben visibile lo scopo di questo blog.

Questo e' un blog satirico ed e' una presa in giro dei vari complottisti (sciacomicari, undicisettembrini, pseudoscienziati e fuori di testa in genere che parlano di 2012, nuovo ordine mondiale e cavolate simili). Qui trovate (pochi) post originali e (molti) post ricopiati pari pari dai complottisti al fine di permettere liberamente quei commenti che loro in genere censurano.

Tutto quello che scrivo qui e' a titolo personale e in nessun modo legato o imputabile all'azienda per cui lavoro.

Ciao e grazie della visita.

Il contenuto di questo blog non viene piu' aggiornato regolarmente. Per le ultime notizie potete andare su:

http://indipezzenti.blogspot.ch/

https://www.facebook.com/Task-Force-Butler-868476723163799/

Thursday, April 2, 2015

Risoluzione dell’osteonecrosi cavitazionale attraverso la Tecnica di NeuroModulazione, una nuova forma di terapia basata sull’intenzione: uno studio di casi clinici

http://scienzamarcia.blogspot.ch/2015/04/risoluzione-dellosteonecrosi.html

Risoluzione dell’osteonecrosi cavitazionale attraverso la Tecnica di NeuroModulazione, una nuova forma di terapia basata sull’intenzione: uno studio di casi clinici

Traduzione dell'articolo Resolution of cavitational osteonecrosis through NeuroModulation Technique, a novel form of intention-based therapy: a clinical case study., pubblicato su THE JOURNAL OF ALTERNATIVE AND COMPLEMENTARY MEDICINE Volume 15, Number 1, 2009
Tale articolo è visionabile on line al link http://nmt.md/Papers/nmt_nico_jacm_pub_-_final.pdf 
L'abstract (riassunto) di tale lavoro si trova anche sul database scientifico governativo pubmed al link




Sulle cavitazioni ed i loro possibili effetti negativi sulla salute vedi per esempio: http://scienzamarcia.blogspot.it/2014/12/rantes-e-fattore-di-crescita-dei.html

------------------------------------------------------------------

Risoluzione dell’osteonecrosi cavitazione attraverso la Tecnica di NeuroModulazione, una nuova forma di terapia basata sull’intenzione: uno studio di casi clinici

Autori

Leslie S. Feinberg, D.C., Robert B. Stephan, D.D.S., Kathleen P. Fogarty, N.D., Lynn Voortman, L.Ac., William A. Tiller, Ph.D., e Riccardo Cassiani-Ingoni, Ph.D.

Abstract (riassunto)

Obiettivi:

Questo studio ha valutato la possibilità di utilizzare la Tecnica di NeuroModulazione (NMT), una forma di medicina basata sull’intenzione, per indurre l’osteogenesi e la guarigione dell’osteonecrosi cavitazionale, una comune forma progressiva di malattia ischemica dell’arco alveolare.

Schema del lavoro:

Undici (11) pazienti scelti arruolati in base alla presenza di lesioni nell’osso mandibolare. Dieci (10) soggetti si sono sottoposti alla terapia NMT per un periodo di non più di 10 mesi, mentre un soggetto non ha ricevuto alcun trattamento.

Misurazione dei risultati: Un’analisi molto precisa della densità dell’osso nel processo alveolare della mascella e della mandibola è stata effettuata prima e dopo la terapia utilizzando il sistema di ultrasonografia Cavitat, approvato dalla statunitense Food and Drug Administration.

Risultati: Tutti i soggetti presentavano un numero di lezioni cavitazionali compreso tra 1 e 6 alla prima scansione first, la maggior parte delle quali (92%) erano associate con siti di denti precedentemente estratti. I pazienti trattati con la NMT hanno dimostrato significativi miglioramenti nella densità dell’osso in 27 delle 34 lesioni analizzate (79%). Il numero medio di lesioni per ogni paziente era 4 prima del trattamento e 0 dopo il trattamento (p 0.01). Un paziente trattato con la NMT, un paziente trattato chirurgicamente ed il soggetto di controllo sono stati sottoposti a scansione anche in date successive, mostrando una guarigione duratura delle lesioni tramite la NMT paragonabile a quella ottenuta con la chirurgia, mentre invece il paziente di controllo non trattato ha mostrato una persistenza della patologia.

Conclusioni:

La terapia NMT fornisce un trattamento sicuro e potenzialmente efficace per l’osteonecrosi dell’osso mandibolare. Si incoraggiano esperimenti preclinici con il controllo del placebo per investigare in profondità il potenziale della NMT per il trattamento delle patologie degenerative ed infiammatorie.

12 comments:

  1. Replies
    1. Da quando il dentista gli ha detto che ha i denti marci, se la prende coi dentisti e le loro conoscenze mediche a riguardo,invece di smettere di drogarsi e iniziare a lavarsi i denti.
      Lo stesso dicasi per la sua avversione agli psichiatri.

      Delete
    2. Cia axlman;
      Piu' nel dettaglio, qual'e' la tua opinione rispetto alla psichiatria? E' possibile annoverarla tra le pseudo-scienze? Ho letto alcune argomentazioni molto solide ( per esempio la discussione che appare al momento su RationalWiki ) e da parte mia ho avuto ( oramai 15anni fa ) contatti molto stretti con TelefonoViola e diversi collettivi anti-psichiatria e devo dire che, a parte il solito dietrologismo che comunque piaga pure gli anti-psichiatria visto che nascono e provengono da area diciamo "alternativa" ( quella dell'anarchia per dire ), alcuni argomenti mi appaiono non solo "convincenti" ma persino inattaccabili.
      Ora, magari prima di lanciarsi in mega-discussioni, volevo solo conoscer eil tuo punto di vista; naturalmente nei e tempi e modi che ritieni consoni, sono un lurker professionista :)
      Ciao

      Delete
    3. Cia[o]
      Conoscere il
      E, scusatemi per la mancanza totale di accenti, sono troppo pigro per settare la tastiera in italiano.

      Delete
    4. Max io non conosco bene la materia e comunque non credo sia possibile dare una risposta sintetica e senza fare distinguo alla tua domanda.

      Se proprio ti interessa la mia opinione, la risposta è che la psichiatria (quindi la branca della medicina che si occupa dei disturbi mentali, lasciando perdere le varie teorie, tecniche, analisi e altri millemila psico-qualcosa) si possa considerare fondamentalmente basata su metodi scientifici esattamente come il resto della medicina, però con qualche lato ancora diciamo troppo teorico e troppo poco empirico e provabile.

      Il difetto principale, nel senso di poco o punto scientifico, secondo me consiste nella classificazione dei disturbi: a parte casi eclatanti, in base a cosa un dato comportamento andrebbe considerato "normale" o meno?

      Il fatto è che questo difetto è intrinseco allo studio della mente umana.
      Se si vuole stabilire quale sia la pressione "normale" o la glicemia "normale" o la conta dei globuli bianchi "normale" ecc, basta usare metodi statistici: raccogliere un numero abbastanza elevato di campioni e poi ricavare il dato cercato.
      Ma se si vuole stabilire quale sia un comportamento "normale", come si dovrebbe fare, vista l'enorme quantità di variabili in gioco?

      lo stesso vale naturalmente per i sostenitori dell'anti-psichiatria: secondo loro molti dei disturbi psichiatrici non sono da considerare tali, ma in base a cosa, scientificamente parlando, lo fanno?
      Come dicevo, difetto intrinseco alla materia.

      Delete
  2. anche se stando alla descrizione la qualità delle immagini non è esaltante (640x480 px), per i fisici pennuti e per i simpatizzanti di disbiosi intestinale e terapie a base di clisteri, in diretta dalla gallery dei pesci d'aprile 2015 ecco il kit per l'auto colonscopia

    ReplyDelete
  3. Penna, te lo ripeto, visto che fai il sordo...

    Sono stati "analizzati" i dati di 11 pazienti, 10 sottoposti alla "cura" e 1 è stato usato come controllo... Lo dovresti capire da solo che il campione di confronto "il famoso "1" non sottoposto alla cura) non ha alcun significato statistico... Inoltre non è stato fatto un esame in doppio cieco... Quindi chi ha fatto la ricerca e ha analizzato i dati potrebbe aver un pochino "filtrato" i due campioni in modo da far risultare quanto voleva.

    Ergo, ci stai presentando uno "studio" che ha le seguenti falle:

    1) è presentato su una rivista non peer-review affidabile
    2) lo studio è statisticamente insignificante, visto che il campione di controllo non è minimamente paragonabile a quello sottoposto alla "cura"
    3) c'è il sospetto che i risultati siano stati "filtrati" in modo opportuno

    Inoltre, vorrei ricordarti che sul sito della "cura" non ci sono altri risultati positivi se non questi 10 e altri 2 (che viene il sospetto essere tra quelli usati per lo "studio" pubblicato). La "cura", poi, dovrebbe funzionare per quasi qualsiasi malanno ma, invece, pare che sia stata testata solo su gente che ha avuto problemi "dentali"...... ho come un sospetto.... ;-)

    J.

    ReplyDelete
  4. Vi seguo e supporto ( almeno con il cuore ) sempre amici cari, e' che ho proprio una vita di merda
    Un saluto ( pugnace e tatuato )

    Max Cady

    ReplyDelete
  5. pubblicato su THE JOURNAL OF ALTERNATIVE AND COMPLEMENTARY MEDICINE

    Eh, una garanzia di affidabilità scientifica, neh?...

    ReplyDelete
  6. La cosa più inquietante è che questo soggetto sembra interessato solo alla bocca e al culo e non che che son proprio due robe complementari.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Nel suo caso lo sono, eccome se lo sono... :D :D :D

      Delete
  7. Ma porco demonio, quante idiozie in un colpo solo...

    ReplyDelete