L'immensa sputtanata a Zelig

Il blog che si sta visitando potrebbe utilizzare cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. fai click qui per leggere l'informativa Navigando comunque in StrakerEnemy acconsenti all'eventuale uso dei cookies; clicka su esci se non interessato. ESCI
Cliccare per vederla

Scopo del Blog

Raccolgo il suggerimento e metto qui ben visibile lo scopo di questo blog.

Questo e' un blog satirico ed e' una presa in giro dei vari complottisti (sciacomicari, undicisettembrini, pseudoscienziati e fuori di testa in genere che parlano di 2012, nuovo ordine mondiale e cavolate simili). Qui trovate (pochi) post originali e (molti) post ricopiati pari pari dai complottisti al fine di permettere liberamente quei commenti che loro in genere censurano.

Tutto quello che scrivo qui e' a titolo personale e in nessun modo legato o imputabile all'azienda per cui lavoro.

Ciao e grazie della visita.

Il contenuto di questo blog non viene piu' aggiornato regolarmente. Per le ultime notizie potete andare su:

http://indipezzenti.blogspot.ch/

https://www.facebook.com/Task-Force-Butler-868476723163799/

Monday, January 20, 2014

Nascita: parto naturale e procedure artificiali

http://scienzamarcia.blogspot.it/2014/01/nascita-parto-naturale-e-procedure.html

Nascita: parto naturale e procedure artificiali

Pochi sanno che di regola al neonato vengono somministrate Vitamina K e un collirio antibiotico. Ci sono molti sospetti sulla vitamna K sintetica e sui possibili effetti avversi della sua somministrazione ai neonati. Sul sito inerboristeria.com  leggiamo:

"Non vi sono effetti collaterali noti provocati dalla vitamina K nella sua forma naturale.Se viene assunta nella sua forma sintetica in dosi elevate, tuttavia, le donne incinte ed i neonati potrebbero mostrare segni di tossicità, molto rari, ma che potrebbero comprendere ittero, danni cerebrali ed emolisi dei globuli rossi."
 
Io alla nascita dei miei figli ho segnalato che non volevo venisse somministrata e ho firmato un'apposita dichiarazione.
Una testimonianza (di un altro genitorre) al riguardo la troviamo anche qui http://www.comilva.org/node/38872 .

Il collirio antibiotico per prevenire un'infezione diffusa ai tempi del fascismo, ritengo sia una misura preventiva assolutamente superflua al giorno d'oggi (anche perchè gli antibiotici non sono caramelle e la pelle di un bambino assorbe ogni cosa in maniera efficientissima, come ci ricorda la dottoressa Campbell nel suo libro). Anche questo trattamento in Italia è effettuato di regola su tutti i neonati (ed anche in questo caso mi sono opposto).

Poi c'è il prelievo del sangue dal tallone, ufficialmente per scoprire se il bimbo è portatore di alcune rare malattie metaboliche. Ma è noto che in Gran Bretagna quel prelievo viene utilizzato per realizzare una schedatura del DNA della popolazione. Io ai tempi non ne sapevo niente e non mi sono opposto. Però alcuni miei amici l'hanno fatto e sono stati sottoposti ad un pressing incredibile da parte delle istitutzioni sanitarie (Orwell è già qui).

Quanto al parto suggerirei di leggere e mettere in pratica i consigli dell'ottimo libro di Lorenzo Braibanti intitolato Parto e nascita senza violenza. Dalla gravidanza al parto, ai primi mesi di vita.

Per un parto naturale a misura di bambino (che si affaccia per la prima volta al mondo abbandonando la sicurezza dell'utero materno) è meglio nascere in un ambiente con poca luce e suoni ovattati, appoggiare subito il neonato sull'addome della mamma, lasciare il cordone ombelicale attaccato fino a quando non smette di pulsare, fare in modo che si attacchi al seno il prima possibile per succhiare il colostro e incentivare così la successiva produzione delle ghiandole mammarie: prima il bambino si attacca al seno e maggiore è la probabilità che l'allattamento prosegua senza problemi di sorta. Per ulteriori informazioni sull'allattamento si può consultare la Lega del Latte.
Quindi, se si fa il bagnetto al bimbo appena nato per ripulirlo, è meglio rimetterlo subito dopo a contatto con la mamma. Il contatto con la madre (e in seconda istanza con il padre) è fondamentale per la corretta crescita del bambino, sia dal punto di vista psicologico che fisico. In natura i neonati dei primati stanno attaccatti alla mamma tutto il tempo. Non vedo perchè noi umani dobbiamo separarli dalla mamma mettondoli in una culla: meglio tenerli in braccio, nel letto accanto a sè, attaccati ad una fascia o marsupio come è d'uso presso molti popoli "primitivi". Il passeggino in fondo può essere utile come carrello quando si fa la spesa, o magari potrà servire per portare in giro il bambino quando è già più grande. Per ulteriori approfondimenti su questa tematica rimando al libro di Michel Odent, Abbracciamolo subito.
Quanto al metodo per partorire forse sarebbe meglio sfruttare la forza di gravità, e non partorire necessariamente sdraiate: alcune sale parto sono euqipaggiati con particolari appoggi che servono allo scopo. Partorire a casa, se si è pronti per ogni evenienza a raggiungere un ospedale in breve tempo non è una cattiva idea. Esistono nazioni come l'Olanda dove si pratica di regola il parto in casa (in tal caso un'ambulanza è sempre pronta a portare il neonato al più vicino ospedale se dovesse risultare necessario). I dati dimostrano che il parto in casa è più sicuro (oltre che risultare più economico per il sistema sociale). Vedi anche questa bellissima testimonianza di una nonna il cui nipote è nato in casa.
In Olanda sconsigliano pure l'epidurale, ed è giusto che tale procedura sia limitata ai soli casi indispensabili, visto che il farmaco utilizzatyo per l'anestesia ha effetti collaterali di un certo rilievo sul neonato. Sul sito farmacoecura leggiamo: 
Anche se la ricerca risulta un po’ ambigua, gran parte degli studi suggerisce che alcuni bambini potrebbero avere problemi nell’allattamento al seno. Altri studi suggeriscono che il bambino potrebbe subire una depressione respiratoria, un mal posizionamento fetale e un aumento della variabilità della frequenza cardiaca fetale

Chi volesse informazioni su ostetriche che praticano il parto in casa può consultare il sito http://www.nascereacasa.it/.

In realtà se la donna mangiasse come i nostri antichi progenitori probabilmente avrebbe anche meno difficoltà nel partorire. Questo è almeno quanto si evince dalla lettura del libro del dottor W. A. Price, il quale testimonia come alcune donne donne indigene, quando è ora di partorire, escono dal villaggio con uno scialle e ritornano col neonato avvolto in quel tessuto.



Video consigliato:

18 comments:

  1. Non bastava la disbiosi, adesso anche i DVD sul parto ...

    Eccheppalle!

    ReplyDelete
  2. Sarò crudele ma non me ne frega un cazzo...

    Poi c'è il prelievo del sangue dal tallone, ufficialmente per scoprire se il bimbo è portatore di alcune rare malattie metaboliche

    Si chiama selezione naturale. Certe malattie, se non diagnosticate in tempo e debitamente curate, portano alla prematura morte.
    Prima che il soggetto raggiunga l'età riproduttiva.

    Amen.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Guarda che il film "Gattaca" e' fantascienza!

      Delete
  3. che IDIOZIE
    quello del tallone è un prick test che serve a controllare la glicemia del neonato
    i neonati sono molto soggetti a ipoglicemia che nella strgrande maggioranza dei casi è transitoria
    non è uno screening per malattie metaboliche, ma è ovvio che se la glicemia non si stabilizza c'è qualche problema
    se volessero prelevare il DNA per "schedarci" ce n'è finchè vuoi nel liquido amniotico (le "acque") e potrebbero benissimo prelevarlo dalle feci, urine, saliva del bebè...

    ReplyDelete
  4. Skipper
    Leggendo queste idiozie (del penna) ho appena dato di stomaco.

    Quanto da te riportato l'ho vissuto in prima persona e posso solo dire che ringrazio infinitamente i medici e i dottori che ci hanno seguiti ed aiutati.

    Bella cosa il parto naturale, lo vorrebbero fare tutti peccato che quando ci sono dei problemi le cose non vanno proprio per il meglio

    ReplyDelete
    Replies
    1. Non sono medico, solo bispapa' che e' stato in sala parto e ha seguito tutto, anche perche' in entrambi i casi l' assistenza e' servita eccome (.1 prematura con mancato secondamento e 1 cesareo d' urgenza). Molti non hanno idea dei danni che fanno e possono potenzialmente fare questi cialtroni.....

      Delete
  5. In realtà se la donna mangiasse come i nostri antichi progenitori probabilmente avrebbe anche meno difficoltà nel partorire. Questo è almeno quanto si evince dalla lettura del libro del dottor W. A. Price, il quale testimonia come alcune donne donne indigene, quando è ora di partorire, escono dal villaggio con uno scialle e ritornano col neonato avvolto in quel tessuto.

    Faccio alcune domande....
    Come mai la mortalità materna e del bimbo era così alta se le puerpere si nutrivano così bene "a quei tempi"??? Come mai il tasso di mortalità si è notevolmente ridotto nel frattempo?
    Qual è la connessione"logica" (vabbè... sappiamo di chi stiamo parlando e quale sia la loro relazione con la logica) tra l'alimentazione dei "nostri antichi progenitori" e le fonne indigene che se ne vanno dal villaggio (tra l'altro alcune e mica tutte!) e tornano col bimbo avvolto nello scialle??

    La logica e la coerenza, queste sconosciute....

    ;-)


    j.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ma perché la madre del penna non ha seguito queste norme. Le possibilità che penna non ammorbasse la rete con le sue cazzate sarebbe stata più elevata

      Delete
  6. Un commento dal sito di coloro che hanno compreso:
    claude panzeri 20 gennaio 2014 20:08

    A TUTTI I LETTORI CHE STIMANO ELIA !

    E giunto il momento di offrire il nostro sostegno. Elia è ferocemente attaccato. Vi invito a testimoniargli il nostro affetto ché, senza dubbi, gli sarà utile in questi giorni difficili.
    Non possiamo accontentarci di nutrirci di informazione Vera sul suo diario, ora dovremmo fare di più.
    Sicuro di poter contare su tutti voi, un saluto, claude.

    E' già arrivata la guardia di finanza???

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ecco una testimonianza di affetto nei confronti di Elia Menta :

      PRRRRRRRRRRRRRRRRRRR

      Delete
    2. @claude
      Vi invito a testimoniargli il nostro affetto
      Del vostro affetto non sa che farsene. Sono i vostri soldi che vuole, idiota!

      Delete
    3. AHAHAH ha mandato avanti le "Panzerdivisionen".

      Elia Menta, ora sono cazzi tuoi.

      Delete
    4. Buonasera Elia!
      Perché sei sparito?
      Perché non scrivi un bel post in cui spieghi (o cerchi di spiegare) perché in dieci anni non hai mai pagato imposte?
      Perché in dieci anni hai vissuto da parassita sulle spalle dei poveri cristi che, magari facendo fatica ad arrivare a fine mese, pagavano le imposte anche per te?
      Eh, Elia?
      Paura?
      Vergogna?
      No, vergogna credo di no; tipi come voi non provano vergogna.

      Delete
    5. sostegno ad elia ??? Ma va a cagare sciacallo parassita, tenia della società

      Delete
    6. Leggo qui queste preoccupanti infamie nei confronti di Elia Menta, un uomo retto e giusto come non pochi.
      Vergognatevi.

      Delete
  7. Altre marchette. É evidente che l'homo cannabiensis ha estremo bisogno di denaro per acquistare le dosi giornaliere di mariagiovanna e hashish ...

    ReplyDelete