L'immensa sputtanata a Zelig

Il blog che si sta visitando potrebbe utilizzare cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. fai click qui per leggere l'informativa Navigando comunque in StrakerEnemy acconsenti all'eventuale uso dei cookies; clicka su esci se non interessato. ESCI
Cliccare per vederla

Scopo del Blog

Raccolgo il suggerimento e metto qui ben visibile lo scopo di questo blog.

Questo e' un blog satirico ed e' una presa in giro dei vari complottisti (sciacomicari, undicisettembrini, pseudoscienziati e fuori di testa in genere che parlano di 2012, nuovo ordine mondiale e cavolate simili). Qui trovate (pochi) post originali e (molti) post ricopiati pari pari dai complottisti al fine di permettere liberamente quei commenti che loro in genere censurano.

Tutto quello che scrivo qui e' a titolo personale e in nessun modo legato o imputabile all'azienda per cui lavoro.

Ciao e grazie della visita.

Il contenuto di questo blog non viene piu' aggiornato regolarmente. Per le ultime notizie potete andare su:

http://indipezzenti.blogspot.ch/

https://www.facebook.com/Task-Force-Butler-868476723163799/

Monday, August 27, 2012

DMT, ayahuasca, maestri pianta e serpenti

Mi sa che la maestra pianta il corrado se l'e' fumata

 

http://scienzamarcia.blogspot.co.uk/2012/08/dmt-ayahuasca-maestri-pianta-e-serpenti.html

DMT, ayahuasca, maestri pianta e serpenti

La pozione vegetale allucinogena nota come ayahuasca non è una semplice “tisana” di erbe, ma un intruglio (dal sapore ben poco gradevole a detta di Graham Hancock) ottenuto con un processo alquanto complicato nel corso del quale si estrae il principio attivo DMT da una pianta, e poi si estrae un’altra sostanza da un’altra pianta. Se non si combinassero assieme i due elementi l’infuso non avrebbe nessuna delle sue proprietà psicoattive, in quanto l’eccesso di DMT viene prontamento regolato all’interno del nostro organismo da una sostanza che lo neutralizza; affinché il DMT produca effetti allucinogeni e trasporti il consumatore in un’altra dimensione occorre che assuma il DMT assieme ad un inibitore di tale sostanza regolatrice.

Anche la preparazione del curaro del resto è di notevole complicazione: occorre combinare numerose piante, farle bollire per tre giorni (senza inalare i vapori tossici) ottenendo finalmente un veleno del tutto particolare che se mangiato non fa alcun effetto, ma inserito sotto la pelle dalla puntura di una freccia ha un potente effetto letale (il curaro paralizza i muscoli, anche quelli respiratori).

La pozione dell’ayahuasca viene preparata da popolazioni indigene che sono all’oscuro delle nostre conoscenze di chimica, biologia, biochimica, neurologia ed è praticamente impossibile pensare che per “puro caso” a forza di provare e riprovare siano arrivati alla fomulazione del loro infuso allucinogeno. Le leggi della statistica ci obbligano ad accettare un fatto alquanto sconcertante: per preparare l’ayahuasca occorre una conoscenza superiore che tali popoli indigeni devono avere ricevuto da qualcuno o da qualcosa. Se ci si libera dai vincoli della storiografia ufficiale si può anche pensare che una civiltà più progredita e ormai scomparsa abbia lasciato in eredità alcune delle proprie conoscenze che poi sono state tramandate oralmente, eppure se si interrogano i popoli indigeni la loro versione è ben differente: sono stati gli spiriti delle piante, dicono loro, a insegnare come preparare l’ayahuasca e il curaro e più in generale come utilizzare i poteri medicinali delle piante.

L'antropologo Eduardo Luna ha raccolto diverse interviste di sciamani i quali raccontano come siano state le piante (gli spiriti delle piante) ad insegnare loro molte cose; alcuni sciamani addirittura affermano di non avere avuto alcun maestro umano e di avere ottenuto ogni conoscenza direttamente dall’ayahuasca.

Lo sciamano boscimano, Kgao Temi a tal proposito afferma: “La gente del passato può venire a prenderti. Ti insegnano cose e ti danno mag­giore potenza. Parlano con te, veramente. Ti spiegano della danza. Ti insegnano anche le piante”.

Dal canto suo l’occidentale Benny Shanon ha sperimentato personalmente l’ayahuasca almeno un centinaio di volte e descrive la sua esperienza dicendo che “è come entrare in una scuola”; alcune sue testimonianze ricordano da vicino quanto descritto nei testi del più famoso Carlos Castaneda. Oltre a raccontare le sue esperienze nel libro Antipodes of the mind, Shanon ha intervistato numerosi soggetti che hanno assunto ayahuasca; la testimonianza più incredibile è quella di una biologa americana (specializzata nella ricerca dul DNA umano) che riferì di avere visto “un cromosoma dalla prospettiva di una proteina che vola sopra un lungo filamento di DNA” e di avere ricevuto delle informazioni specifiche sulla funzione di certe sequenze di DNA dette “isole CpG”. E se qualcuno pensa che questi siano solo vaneggiamenti farebbe bene a ricordare la famosa storia della molecola del benzene, la cui struttura cirolcare è apparsa in sogno allo scopritore.

Da notare che secondo le tradizioni dell’Amazzonia i “maestri pianta” assumono forme dipiante ma appaiono anche come animali; una manifestazione abbastanza comune dello spirito dell’ayahuasca è il serpente boa. Abbiamo quindi maestri pianta che appaiono spesso sotto le spoglie di un serpente, che offrono la loro alta forma di conoscenza (specialmente nel campo della medicina erboristica) agli uomini che entrano in uno stato di coscienza alterata (spesso dopo avere assunto particolari sostanze psicoattive). Possibile che da queste arcane visioni ed esperienze sciamaniche derivi il famoso simbolo del caduceo?


E che dire del fatto che negli stati di coscienza alterato sono comuni visioni di serpenti intrecciati che richiamano fin troppo spesso la struttura del DNA?

E il pensiero corre anche a quel famoso “albero della vita” che secondo la Genesi biblica si trovava nel giardino dell’eden: il serpente sull’albero, la conoscenza di virtù terapeutiche che allungano la vita (anche se non rendono esattamente immortali come descritto nel testo biblico), la struttura all’elica del DNA come elemento fondamentale della vita a noi conosciuta … solo coincidenze?

Appena possibile proverò a riferire quanto esposto da Jeremy Narby nel suo libro Il serpente cosmico: il DNA e le origini della conoscenza, mentre del giardino dell’eden parleremo in dettaglio nel prossimo articolo.

6 comments:

  1. "La pozione vegetale allucinogena nota come ayahuasca non è una semplice “tisana” di erbe"

    E poi noi ci meravigliamo delle fesserie che scrive !! ROTFL

    ReplyDelete

  2. LAUREA COMPRATA corrado cannaiolo penna, SCIACALLO di merda

    NON CAPISCI UN CAZZO DI INGLESE
    NON CAPISCI UN CAZZO DI MEDICINA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI CHIMICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI GEOGRAFIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI FISICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ELETTRONICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ELETTROTECNICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI OTTICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI CHIMICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ELETTROMAGNETISMO
    NON CAPISCI UN CAZZO DI STORIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI AERONAUTICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI METEOROLOGIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ARITMETICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI TRIGONOMETRIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI GEOMETRIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI GEOLOGIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI STATISTICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI AGRONOMIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI AGRICOLTURA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI IDROPONICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI FISIOTERAPIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ECONOMIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI STATISTICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI NUTRIZIONISMO
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ALGOLOGIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ONCOLOGIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI DERMATOLOGIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI TEOLOGIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ORTODONZIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ODONTOIATRIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI FITOTERAPIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ERBORISTERIA


    corrado cannaiolo cialtrone

    1) Dove sono le deportazioni di massa?
    2) Dove sono le vaccinazioni forzate?
    3) Dove sono le fosse comuni e i milioni di morti causati dal vaccino ah1n1?
    4) Dove sono le bombe atomiche usate per arrestare la perdita del pozzo BP?
    5) Dove sono i 40 milioni di americani deportati e i relativi campi di concentramento?
    6) Dove sono i milioni di bare?
    7) Dove sono le prove che l'incidente di Smolensk è stato un attentato?
    8) Dove sono le prove che l'incidente di Nigel Farage è stato un attentato?
    9) Dove sono le prove che lo squalene (tra l'altro prodotto anche dal nostro corpo) fa ciò che dici?
    10) Quanto hai pagato la laurea?


    Questo proverbio calza a pennello e ti descrive al 10.000% MONA:
    L'ignorante SA TANTO
    L'intelligente SA POCO
    Il saggio SA NIENTE
    EL MONA EL SA TUTO

    ReplyDelete
  3. Ormai é assodato, corrado dalle canne sta passando agli allucinogeni. Probabilmente si e' assueffatto alla cannabis e deve provare altro per continuare a sballare

    ReplyDelete
    Replies
    1. Foe, mi sai che hai ragione. O aumenta il peso di quello che assume, o e' finito!

      Delete
  4. Le leggi della statistica ci obbligano ad accettare un fatto alquanto sconcertante: per preparare l’ayahuasca occorre una conoscenza superiore che tali popoli indigeni devono avere ricevuto da qualcuno o da qualcosa.

    Avranno gloogato, no?

    penna: se sei imbecille tu, non è detto che debbano esserlo anche gli altri. Ma a questo non ci arrivi, proprio perché sei imbecille.
    E gli indigeni non ERANO imbecilli, altrimenti non sarebbero sopravvissuti.

    Il Banisteriopsis caapi uno dei vegetali della mistura, contiene degli iMAO, che sono antidepressivi.
    A chi vive nella foresta per migliaia di anni non può essere sfuggita tale proprietà. Nulla di strano, quindi, se provando un'altra pianta sotto gli effetti della prima, si siano manifestati gli effetti allucinatori.

    Non c'era nessuna casualità cieca (dove poter applicare Le leggi della statistica) ma osservazioni e miglioramenti continui.
    Cosa completamente diversa dall'idea di "ricerca" che hanno il penna e gli altri fuffari, che è quella di inventarsi idiozie mescolando parole a caso sperando che possano avere un senso (o almeno che i dabbenuomini che li seguono lo credano).
    Gli indios sudamericani erano infinitamente più acuti di questi cialtroni. Almeno loro (gli indios), entro le loro possibilità, osservavano e capivano il mondo che li circondava.

    ReplyDelete
  5. This comment has been removed by a blog administrator.

    ReplyDelete