L'immensa sputtanata a Zelig

Il blog che si sta visitando potrebbe utilizzare cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. fai click qui per leggere l'informativa Navigando comunque in StrakerEnemy acconsenti all'eventuale uso dei cookies; clicka su esci se non interessato. ESCI
Cliccare per vederla

Scopo del Blog

Raccolgo il suggerimento e metto qui ben visibile lo scopo di questo blog.

Questo e' un blog satirico ed e' una presa in giro dei vari complottisti (sciacomicari, undicisettembrini, pseudoscienziati e fuori di testa in genere che parlano di 2012, nuovo ordine mondiale e cavolate simili). Qui trovate (pochi) post originali e (molti) post ricopiati pari pari dai complottisti al fine di permettere liberamente quei commenti che loro in genere censurano.

Tutto quello che scrivo qui e' a titolo personale e in nessun modo legato o imputabile all'azienda per cui lavoro.

Ciao e grazie della visita.

Il contenuto di questo blog non viene piu' aggiornato regolarmente. Per le ultime notizie potete andare su:

http://indipezzenti.blogspot.ch/

https://www.facebook.com/Task-Force-Butler-868476723163799/

Wednesday, August 29, 2012

L'albero della conoscenza del bene e del male non è certo una mela; dall'analisi del testo biblico e di alcune raffigurazioni esplicite si affaccia una verità inaspettata

Concordo con corrado sul fatto che un albero non e' una mela.

http://scienzamarcia.blogspot.co.uk/2012/08/lalbero-della-conoscenza-del-bene-e-del.html

L'albero della conoscenza del bene e del male non è certo una mela; dall'analisi del testo biblico e di alcune raffigurazioni esplicite si affaccia una verità inaspettata

La genesi biblica (ma lo stesso dicasi per il Pentateuco più in generale per la Bibbia stessa) è un libro scritto a più mani, con inserzioni appartenenti a differenti epoche e a differenti fonti. Ormai tale realtà è palesemente ammessa persino dalla teologia cattolica, nonostante tale sovrapposizione di strati porti ad evidenti contraddizioni. Palese ad esempio è il fatto che la creazione dell'uomo viene raccontata due volte, con differenze di un certo rilievo.

Ad esempio nella prima delle due versioni della creazione del genere umano presenti nella Genesi (capitolo 1 versetti 24-31) si legge che Dio creò assieme uomo e donna, assegnò loro come cibo i soli vegetali, e lo stesso curiosamente fece con le bestie selvatiche (i leoni del tempo mangiavano lattuga? in una prima creazione tutti gli animali erano erbivori? ma in tal caso le piante poverine non provano anch'esse dolore?):
[24]Dio disse: «La terra produca esseri viventi secondo la loro specie: bestiame, rettili e bestie selvatiche secondo la loro specie». E così avvenne: [25]Dio fece le bestie selvatiche secondo la loro specie e il bestiame secondo la propria specie e tutti i rettili del suolo secondo la loro specie. E Dio vide che era cosa buona. [26]E Dio disse: «Facciamo l'uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra».

[27]Dio creò l'uomo a sua immagine;
a immagine di Dio lo creò;
maschio e femmina li creò.

[28]Dio li benedisse e disse loro:
«Siate fecondi e moltiplicatevi,
riempite la terra;
soggiogatela e dominate
sui pesci del mare
e sugli uccelli del cielo
e su ogni essere vivente,
che striscia sulla terra».

[29]Poi Dio disse: «Ecco, io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta la terra e ogni albero in cui è il frutto, che produce seme: saranno il vostro cibo. [30]A tutte le bestie selvatiche, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli esseri che strisciano sulla terra e nei quali è alito di vita, io do in cibo ogni erba verde». E così avvenne. [31]Dio vide quanto aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona. E fu sera e fu mattina: sesto giorno.
Poco più avanti nel testo biblico della Genesi leggiamo il secondo racconto della creazione dell'uomo (capitolo 2 versetti 4b-9) ovvero la famosa favoletta della creazione di Eva a partire dalla costola di Adamo:
[4b]Quando il Signore Dio fece la terra e il cielo, [5]nessun cespuglio campestre era sulla terra, nessuna erba campestre era spuntata - perché il Signore Dio non aveva fatto piovere sulla terra e nessuno lavorava il suolo [6]e faceva salire dalla terra l'acqua dei canali per irrigare tutto il suolo -; [7]allora il Signore Dio plasmò l'uomo con polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita e l'uomo divenne un essere vivente.

[8]Poi il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a oriente, e vi collocò l'uomo che aveva plasmato. [9]Il Signore Dio fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, tra cui l'albero della vita in mezzo al giardino e l'albero della conoscenza del bene e del male.
Ma andiamo avanti e cerchiamo di capire bene questa storia dell'albero del bene e del male, un albero particolare che secondo la Bibbia "si mangia": badate bene, non è il frutto che si mangia ma l'albero stesso! Per altro secondo l'avvertimento divino si tratta di un albero che può uccidere se mangiato, ovvero di un albero velenoso; un albero velenoso che però se mangiato fornisce l'accesso ad una conoscenza superiore, un albero che si mangia, e non di cui si mangia il frutto. Dopo che è stato ripetuto due volte che l'albero si mangia o non si mangia finalmente arrivano le parole prese del suo frutto e ne mangiò, che potrebbe sembrare una contraddizione a meno che in realtà l'albero della conoscenza sia una maniera vagamente simbolica di rappresentare un vegetale di cui si mangia realmente tutta la parte aerea, la quale è nel contempo un corpo fruttifero.  Nei versetti seguenti della bibbia ho evidenziato in grossetto le frasi più rilevanti:

La storia inizia al capitolo 2 versetti 15-17
[15]Il Signore Dio prese l'uomo e lo pose nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse.
[16]Il Signore Dio diede questo comando all'uomo: «Tu potrai mangiare di tutti gli alberi del giardino, [17]ma dell'albero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare, perché, quando tu ne mangiassi, certamente moriresti».
e poi continua al capitolo 3 versetti 1-7
[1]Il serpente era la più astuta di tutte le bestie selvatiche fatte dal Signore Dio. Egli disse alla donna: «E' vero che Dio ha detto: Non dovete mangiare di nessun albero del giardino?». [2]Rispose la donna al serpente: «Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare, [3]ma del frutto dell'albero che sta in mezzo al giardino Dio ha detto: Non ne dovete mangiare e non lo dovete toccare, altrimenti morirete». [4]Ma il serpente disse alla donna: «Non morirete affatto! [5]Anzi, Dio sa che quando voi ne mangiaste, si aprirebbero i vostri occhi e diventereste come Dio, conoscendo il bene e il male». [6]Allora la donna vide che l'albero era buono da mangiare, gradito agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch'egli ne mangiò. [7]Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e si accorsero di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture.
E adesso veniamo ad un curioso affresco presente nella cappella di Sant’Eligio, di Plaincourault, (Francia Centrale, fine del secolo XII.
 

Che vi piaccia o no questo particolare "albero della conoscenza del bene e del male" è un gruppo di funghi; che funghi?
Amanita falloide
Amanita muscaria
Il caso non è unico, infatti l'Exultet dell'Abbazia di Montecassino (1072-1075 circa) riporta raffigurazioni consimili.


Poi ci sarebbe il salterio di Canterbury:

Si consiglia di fare click sulla figura e vederla ingrandita; notare i funghi accanto ad Adamo ed Eva
A questo punto chi ha letto gli articoli precedenti dedicati al libro Sciamani di Hancock, o meglio ancora ha letto per intero il libro, ha ben capito come il quadro della famosa "tentazione del serpente" si presenta ben diverso dalla storiella che ci viene raccontata da piccoli. Innanzitutto non c'è nessuna mela, il vegetale di cui si mangia la parte aerea è un fungo e non un albero. In secondo luogo essendo bene note le proprietà allucinogene di diverse specie di funghi il cui utilizzo in ambito sciamanico è risaputo si può facilmente capire come un "corpo fruttifero" velenoso, se opportunamente trattato (secondo il consiglio del "serpente") può aprire l'accesso ad un "mondo altro" ove si acquisisce una particolare conoscenza (di tipo sciamanico).

L'amanita muscaria è un fungo velenoso che però può essere reso commestibile (o quanto meno poco tossico) con un apposito trattamento che può preservarne le proprietà allucinogene. In Siberia l'uso di tale fungo è stato molto comune diffuso fino a tempi recenti, poi è stato soppiantato dalla vodka.

A tale riguardo sono molto interessanti le testimonianze riportate nel libro Sciamani riguardanti alla somministrazione controllata di sostanze allucinogene come la DMT che portano i soggetti della sperimentazione ad acquisire delle conoscenze per questa via del tutto inusuale. Del resto che lo si creda o no, gli sciamani e gli uomini della medicina affermano che non sono stati loro a scoprire le proprietà terapeutiche delle piante, ma che sono stati gli spiriti delle piante a comunicare con loro; ovviamente gli spiriti delle piante vengono incontrati dagli sciamani nelle loro esperienze in stato di coscienza alterato. 

Secondo Graham Hancock, autore di Sciamani (nell'originale inglese il titolo è Supernatural, ovvero soprannaturale) l'accesso a questo "mondo altro" attraverso il raggiungimento di trance sciamaniche (spesso indotte dal consumo di funghi o altre sostanze vegetali psicoattive) ha permesso all'uomo di affrontare un'improvvisa e rapida evoluzione culturale.








Addendum: quanto al serpente ed all'albero della vita, alla fine dell'articolo precedente, ho fatto una congettura, ovvero che tale locuzione traesse origine dalle visioni di spiriti pianta che si tramutano in serpenti, spiriti che secondo gli sciamani forniscono delle conoscenze ineguagliabili, ma anche forse dallo stesso DNA (che si può simboleggiare come due serpenti intrecciati).

Nella Genesi è scritto (capitolo 3 versetto 22):
[22]Il Signore Dio disse allora: «Ecco l'uomo è diventato come uno di noi, per la conoscenza del bene e del male. Ora, egli non stenda più la mano e non prenda anche dell'albero della vita, ne mangi e viva sempre!». [23]Il Signore Dio lo scacciò dal giardino di Eden, perché lavorasse il suolo da dove era stato tratto.
Da notare la frasi "è diventato come uno di noi": se davvero il Dio creatore di cui si narra fosse "l'Atissimo e Onnipotente buon Signore" come potrebbe mai l'uomo mangiando un frutto diventare come UNO DEGLI DEI? Forse questi dei di cui si parla sono tutt'altro che onnipotenti, e sicuramente molto gelosi ed invidiosi del proprio sapere e del proprio potere, della propria posizione di supremazia, che non vogliono che l'uomo diventi immortale come loro, giacché a quanto pare l'albero della vita fornisce quanto occorre a divenire immortali: forse la Genesi vuole indicarci che una manipolazione del DNA (albero della vita?) consente di prolungare a dismisura la nostra vita?

In ogni caso il testo recita Dei, al plurale, senza alcuna ombra di dubbio. La Bibbia afferma testualmente "diventato come uno di noi"; noi, gli Dei, al plurale. Ed in effetti nella Genesi per indicare la divinità creatrice viene utilizzato il sostantivo Elohim, parola plurale che significa Dei, e che ha creato non pochi problemi ai traduttori cristiani che hanno cercato di ricondurre tale racconto ad un rigido monoteismo. La Genesi d'altronde ricalca i miti mesopotamici della creazione, miti che descrivono la creazione dell'uomo da parte di un gruppo di Dei, e in fondo anche quando la religione ebraica si è evoluta verso l'adorazione di un unico Dio non per questo è diventata una religione realmente monoteistica, bensì monolatrica, ovvero che professa l'adorazione di uno solo tra i tanti dei esistenti.

L'Antico Testamento non insegna infatti a credere in un solo Dio buono e premuroso nei confronti di tutto il genere umano, bensì ad adorare un solo Dio, il dio di Israele che viene contrapposto agli altri dei stranieri. Tra questi dei stranieri è da notare il dio Baal (da cui poi deriverà la parola Belzebù) una delle divinità principali dei Cananei (il popolo cui gli ebrei , secondo il racconto biblico, rubarono la terra con l'appoggio del sanguinario Dio di Israele).

Ma chi era poi quelo Baal? Baal è una parola che deriva da El (Potenza), il nome di uno degli dei adorati nella mesopotamia, El, parola che viene utilizzata nella Bibbia stessa per indicare stesso Dio, El che ha per plurale Elohim (Le Potenze) che troviamo nella stessa Genesi per indicare gli Dei,  El che ha per femminile Elat, El che condivide la stessa radice semantica della parola araba Allah.

Per chi non avesse ancora compreso bene come religioni vengano utilizzate per dividere e contrapporre gli uomini facendoli ammazzare tra di loro in guerre senza alcun senso.



Per approfondimenti vedi gli articoli:

http://www.nibiru2012.it/forum/spiritualita/amanita-muscaria-potrebbe-essere-il-frutto-proibito-139687.0.html

http://www.samorini.it/doc1/sam/plainco.htm

http://it.paperblog.com/l-albero-fungo-di-plaincourault-e-di-saint-savin-sur-gartempe-di-gianluca-toro-215827/

http://freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=8619458

http://www.duepassinelmistero.com/Homoselvadego.htm

http://cristianesimoprimitivo.forumfree.it/?t=28957422


http://it.scribd.com/doc/64245256/Funghi-allucinogeni-Studi-etnomicologici

17 comments:

  1. This comment has been removed by the author.

    ReplyDelete
  2. LAUREA COMPRATA corrado cannaiolo penna, SCIACALLO di merda ogni vaolta che affrinti un argomenti DIMOSTRI co ino capre un cazzo, infatti:

    NON CAPISCI UN CAZZO DI INGLESE
    NON CAPISCI UN CAZZO DI MEDICINA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI CHIMICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI GEOGRAFIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI FISICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ELETTRONICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ELETTROTECNICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI OTTICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI CHIMICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ELETTROMAGNETISMO
    NON CAPISCI UN CAZZO DI STORIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI AERONAUTICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI METEOROLOGIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ARITMETICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI TRIGONOMETRIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI GEOMETRIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI GEOLOGIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI STATISTICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI AGRONOMIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI AGRICOLTURA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI IDROPONICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI FISIOTERAPIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ECONOMIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI STATISTICA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI NUTRIZIONISMO
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ALGOLOGIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ONCOLOGIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI DERMATOLOGIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI TEOLOGIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ORTODONZIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ODONTOIATRIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI FITOTERAPIA
    NON CAPISCI UN CAZZO DI ERBORISTERIA
    NON CAPISCI UN CAZZI DI RELIGIONE


    corrado cannaiolo cialtrone

    1) Dove sono le deportazioni di massa?
    2) Dove sono le vaccinazioni forzate?
    3) Dove sono le fosse comuni e i milioni di morti causati dal vaccino ah1n1?
    4) Dove sono le bombe atomiche usate per arrestare la perdita del pozzo BP?
    5) Dove sono i 40 milioni di americani deportati e i relativi campi di concentramento?
    6) Dove sono i milioni di bare?
    7) Dove sono le prove che l'incidente di Smolensk è stato un attentato?
    8) Dove sono le prove che l'incidente di Nigel Farage è stato un attentato?
    9) Dove sono le prove che lo squalene (tra l'altro prodotto anche dal nostro corpo) fa ciò che dici?
    10) Quanto hai pagato la laurea?


    Questo proverbio calza a pennello e ti descrive al 10.000% MONA:
    L'ignorante SA TANTO
    L'intelligente SA POCO
    Il saggio SA NIENTE
    EL MONA EL SA TUTO

    CANNAIOLO sei passato a fari di funghi?

    rosario FALSARIO marcianò: IN GALERA SUBITO
    corrado CANNAIOLO penne: IN GALERA SUBITO DOPO

    ReplyDelete
    Replies
    1. ....non capisci un cazzo nemmeno di funghi: perchè la prima foto attribuita ad Amanita phalloides è in realtà A. muscaria (come la seconda)

      Delete
    2. ....non capisci un cazzo nemmeno di funghi: perchè la prima foto attribuita ad Amanita phalloides è in realtà A. muscaria (come la seconda)

      Delete
  3. This comment has been removed by the author.

    ReplyDelete
  4. No. Non sta bene, decisamente.
    Questo articolo è sconcertante.
    Ci aspettiamo chiarimenti sulla manna e sulla mirra.
    Dai Corrà.. facce ride.

    ReplyDelete
  5. @PE
    Chissà se l'amanita muscaria provoca la stessa reazione ai terrazzati? :)

    Ad ogni modo credo abbia ragione corrado: L'albero non è certo una mela. Lo sanno tutti che per fare un albero ci vuole un fiore!

    ReplyDelete
  6. e alla via così..

    essellemercoledì, agosto 29, 2012 12:09:00 m.

    mentre il collasso delle torri (compreso il wtc7) è dovuto probabilmente a una mini esplosione nucleare alle fondamenta, il che spiegherebbe il lago di pietra ribollente che ha bruciato per mesi là sotto.

    ReplyDelete
    Replies
    1. E da quando le esplosioni nucleari creano laghi di pietra ribollente che durano mesi ?
      Forse ti confondi con i laghi di lava presenti in alcuni vulcani

      Delete
    2. ...lago di pietra ribollente che ha bruciato per mesi là sotto
      Oddio!
      I primi complottisti sul 911 parlavano di pozze di acciaio fuso durate giorni. Ora siamo al lago di pietra ribollente che è durato mesi...
      Ognuno cerca di spararla più grossa che può, e la più grossa vince, e diventa la migliore tra le millemila versioni ufficiali complottiste, almeno fino alla successiva idiozia.
      Tra un po' "là sotto" ci sarà stata una fusione nucleare durata anni, e così via.

      Delete
  7. This comment has been removed by the author.

    ReplyDelete
  8. Ma rimbambito d'uno strafatto, non riesci proprio a capire che nella frase "dell'albero della conoscenza del bene e del male" non devi mangiare" il termine frutto e' sottinteso ?
    Punto secondo, questa é una traduzione dall'ebraico, per poter fare una esegesi del testo dovresti conoscere quella lingua, altrimenti quello che sostieni é solo aria fritta e fuffa.
    Punto terzo, i funghi NON SONO piante.
    Punto quarto, nelle foto scambi l'amanita falloide con quella muscaria.
    Dato che l'amanita muscaria é velenosa ma non mortale ed ha effetti allucinogeni, se volessi assumere per sballare la falloide che tu pensi sia la muscaria, beh, penso che saranno pochi quelli che rimpiangerebbero la tua dipartita ...

    ReplyDelete
  9. ahahaha dunque, dallo "studio" di un libro scritto a più mani da dei furbacchioni, allo scopo di soggiogare dei deboli con l'invenzione di qualcosa di più grande di loro (e fin qui pare che stia parlando della sacra setta delle scie chimiche)... il drogato ha scoperto che sono i funghetti allucinogeni il fulcro di tutto.

    Se hai voglia di sballare, non cercare di sembrare intelligente perchè lo fai.

    ReplyDelete
  10. Ma che rincoglionito, lo sanno anche i bambini dell'asilo che i dipinti medievali sono - diciamo - 'naif', altro che funghi invece di alberi... Poi: s'è mai visto un fungo della stessa 'altezza' di un uomo?

    ReplyDelete