L'immensa sputtanata a Zelig

Il blog che si sta visitando potrebbe utilizzare cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. fai click qui per leggere l'informativa Navigando comunque in StrakerEnemy acconsenti all'eventuale uso dei cookies; clicka su esci se non interessato. ESCI
Cliccare per vederla

Scopo del Blog

Raccolgo il suggerimento e metto qui ben visibile lo scopo di questo blog.

Questo e' un blog satirico ed e' una presa in giro dei vari complottisti (sciacomicari, undicisettembrini, pseudoscienziati e fuori di testa in genere che parlano di 2012, nuovo ordine mondiale e cavolate simili). Qui trovate (pochi) post originali e (molti) post ricopiati pari pari dai complottisti al fine di permettere liberamente quei commenti che loro in genere censurano.

Tutto quello che scrivo qui e' a titolo personale e in nessun modo legato o imputabile all'azienda per cui lavoro.

Ciao e grazie della visita.

Il contenuto di questo blog non viene piu' aggiornato regolarmente. Per le ultime notizie potete andare su:

http://indipezzenti.blogspot.ch/

https://www.facebook.com/Task-Force-Butler-868476723163799/

Saturday, October 5, 2013

In una scala da 1 a 10 sono coglioni sciacalli a 500mila


  1. Dall'intervista di Eugenio Scalfari a M. Bergoglio - in arte 'Papa Francesco primo ( ed ultimo ) -:

    Bergoglio)«E qui lo ripeto. Ciascuno ha una sua idea del Bene e del Male e deve scegliere di seguire il Bene e combattere il Male come lui li concepisce. Basterebbe questo per migliorare il mondo».

    Incredibile come questo oscuro personaggio proponga, con tutta la sfrontatezza che gli compete, una forma assai spinta di relativismo etico. In sostanza Il Bene ed il Male non hanno valenza alcuna e dipendono dalle decisioni ed inclinazioni del singolo.
    Tale 'forma mentis' apre le porte a qualsiasi velleità, a qualsiasi capriccio del momento.
    Potremmo rispondere a Bergoglio con un vecchio proverbio che sintetizza la fallacia del suo relativismo etico: ' La via che conduce all'inferno è tappezzata dalle migliori intenzioni'.

    Quali follie dobbiamo attenderci da simili premesse pseudo-filosofiche?
    Rispondi
  2. Poco fa lo stesso Frank mi ha chiamato sia su fisso sia su cellulare da numero riservato.
    Rispondi
    Risposte
    1. uno dei suoi soliti scherzi....da prete?
  3. Sono ragionamenti che rispecchiano la forma mentis dei Gesuiti, quelli della riserva mentale e della casistica, contro cui tuonò il giansenista Blaise Pascal. Per fortuna che questo è l'ultimo pontefice di Babilonia la Grande.
    Rispondi
  4. Fabio Chiucconi di RAI 2 ha sottolineato che le vittime della tragedia di Lampedusa erano, secondo un primo bilancio, 111 e che il feretro n. 11 era quello con le spoglie di un bambino di 3 anni. Da rilevare che con la voce ha enfatizzato i numeri.

    Sono state mostrate le bare: su ognuna è stata posata una... Rosa rossa.

    No comment.
    Rispondi
    Risposte
    1. Una rosa rossa su ogni bara...
    2. ho letto che dopo avere pescato 111 cadaveri hanno smesso di tirare su i rimanenti. Non avrebbero fatto quadrare le cifre di loro interesse. Oggi 5/10/2013 che fa 5+1+2+1+3. Ne manca uno, Forse quello delle vittime, 111 (1+1+1) + il bimbo di 3 anni indicato (+3). Una serie di macabre coincidenze senz'altro.

      Il solito scrinsciòt:


12 comments:

  1. Che massa di sfigati razzisti, mi fanno proprio schifo.
    L'articoli di la Repubblica non solo era corretto ma aveva ragion da vendere

    ReplyDelete
  2. A questi il cervello gliel'hanno infilato nel culo sottoforma di clistere...

    ReplyDelete
  3. OT ma come al solito da qualche parte bisogna pur postare... ;)

    e questa come la mettiamo? adesso anche Greenpeace (di cui non condivido l'estremismo, ma devo ammettere che i suoi attivisti rischiano di persona, e non al riparo di una tastiera) sarà al soldo del NWO?

    Come forse sa, Greenpeace lavora per "campagne" per utilizzare i pochi fondi a disposizione: non prendiamo soldi da politici, imprese, enti o istituzioni.

    E' per questo che siamo attivi su molti fronti ma non su tutti e, entro le campagne, ovviamente dobbiamo scegliere. Queste scelte sono collegate alla gravità del problema e alla sua "prospettiva internazionale". Quindi, non è che gli altri temi non ci interessano, anzi. Semplicemente, non abbiamo le risorse per occuparci di tutto. Un altro criterio è che cerchiamo di intervenire dove verifichiamo che altre organizzazioni/associazioni non possono intervenire.

    Detto questo, del tema legato all'inquinamento degli aerei ci occupiamo solo nell'ambito della campagna clima: il traffico aereo è responsabile di una quota dell'effetto serra globale sia per le emissioni di anidride carbonica che per l'apporto di vapore acqueo in quota che ha tempi di permanenza in atmosfera lunghi. Le segnalo il nostro rapporto (http://www.greenpeace.org/italy/news/navi-aerei-clima).

    La permanenza in aria delle scie degli aerei non dipende dalla loro composizione chimica (cui qualcuno attribuisce un pericolo) ma dalle condizioni fisiche meteo (vento, umidità relativa) e delle particelle (granulometria, densità) cosa che influisce sulla "galleggiabilità" delle particelle in atmosfera. Alcune delle componenti ambientalmente importanti delle emissioni degli aerei (ossidi di azoto, CO2) non sono per nulla visibili. Le scie bianche degli aerei sono costituite da vapore acque condensato.

    Spero che la mia risposta sia esaustiva.

    Grazie ancora per averci contattato.

    --
    Alessandro Giannì
    Direttore delle Campagne
    Greenpeace Italia
    P.zza dell'Enciclopedia Italiana, 50
    00186 ROMA
    TEL +39 06 68136061 int 236

    ReplyDelete
    Replies
    1. ops
      è la risposta di Greenpeace allo sQUACKquerone© da lui riportata sul faccialibro

      Delete
    2. Certo che ha un bel "coraggio", lo straccione, nell'autosputtanarsi pubblicamente :)

      Delete
  4. Gente malata, bisogna chiudergli i siti e mandarli a delirare in un reparto psichiatrico.

    ReplyDelete
  5. Paolo, Zret, Straker, Avalon: che due coppie di coglioni (2 * 2 = 4).

    ReplyDelete
  6. Per fortuna che questo è l'ultimo pontefice di Babilonia la Grande.

    In sostanza il professoruncolo da per buona la profezia sui papi dello pseudo Malachia. Però non si è ricordato che secondo questa il nome dell'ultimo papa sarebbe dovuto essere Pietro e non Francesco, non ne azzecca una il minchione. Antonio detto zretino, lascia perdere Pascal, la tua mente da minus habens non ti permette di comprendere il pensiero di quel Grande ...

    ReplyDelete
  7. ops quando lo pseudo Malachia parla di Petrus Romanus non predice il nome dell'ultimo Papa, perché dovrebbe farlo? in effetti tutte le 111 (ahi ahi ahi) “profezie” precedenti sono oscuri riferimenti alla Nostradamus ante litteram, perché l'ultima dovrebbe essere diversa? tutti i Papi sono stati “allineati” alla rispettiva predizione con non poche forzature interpretative, non c'è ragione per cui l'ultimo debba essere in chiaro...

    e poi per tradizione Pietro come nome pontificale è off limits, né Malachia dice che Pietro Romano sia un Papa; e chi comanda in Sede Vacante è il Camerlengo che attualmente è il cardinale Tarcisio Pietro Evasio Bertone nato a Romano Canavese...
    GOMBLODDOOOO...

    ReplyDelete
    Replies
    1. This comment has been removed by the author.

      Delete
    2. La sede non é piú vacante ora c'é un papa non romano, nemmeno di romano canavese ma argentino di origini astigiane. Siamo forse oltre la profezia dello pseudo-malachia ?
      GOMBLODDO nel GOMBLODDO !!!!!

      Delete