L'immensa sputtanata a Zelig

Il blog che si sta visitando potrebbe utilizzare cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. fai click qui per leggere l'informativa Navigando comunque in StrakerEnemy acconsenti all'eventuale uso dei cookies; clicka su esci se non interessato. ESCI
Cliccare per vederla

Scopo del Blog

Raccolgo il suggerimento e metto qui ben visibile lo scopo di questo blog.

Questo e' un blog satirico ed e' una presa in giro dei vari complottisti (sciacomicari, undicisettembrini, pseudoscienziati e fuori di testa in genere che parlano di 2012, nuovo ordine mondiale e cavolate simili). Qui trovate (pochi) post originali e (molti) post ricopiati pari pari dai complottisti al fine di permettere liberamente quei commenti che loro in genere censurano.

Tutto quello che scrivo qui e' a titolo personale e in nessun modo legato o imputabile all'azienda per cui lavoro.

Ciao e grazie della visita.

Il contenuto di questo blog non viene piu' aggiornato regolarmente. Per le ultime notizie potete andare su:

http://indipezzenti.blogspot.ch/

https://www.facebook.com/Task-Force-Butler-868476723163799/

Wednesday, October 2, 2013

Il calcolo della velocità relativo agli aerei chimici


http://www.tankerenemy.com/2013/10/il-calcolo-della-velocita-relativo-agli.html

Il calcolo della velocità relativo agli aerei chimici



I normalizzatori, i negazionisti... quelli che amano definirsi "debunkers", ma anche le autorità governative, i meteorologi allineati ed i giornalisti d'accatto (vedi i recenti articoli proposti sulla stampa nazionale da pedine del C.I.C.A.P.), in merito a quelle scie che devastano i nostri cieli, ci spiegano, con somma prosopopea, che si tratta solo di innocue scie di condensazione, rilasciate da aerei di linea ad altissima quota.

Noi sappiamo che ciò non è vero e che costoro mentono e lo abbiamo dimostrato in innumerevoli circostanze. Abbiamo provato [nei nostri sogni], dati alla mano, che gli aerei che vediamo noi sorvolano i centri abitati ad altitudini irrisorie, spesso anche inferiori ai 1.500 metri. Queste, d'altronde, sono le quote necessarie per operare il cloud seeding igroscopico delle nubi basse e diversamente non potrebbe essere, poiché si sfruttano le correnti ascensionali affinché i composti dispersi salgano in quota sino ad abbattere l'umidità sì da eliminare la nuvolosità naturale, sostituita da bizzarre formazioni artificiali (elettroconduttive) che la N.A.S.A. e l'U.S.A.F. definiscono "smart clouds".

In aggiunta agli altri elementi di prova in questi anni portati a suffragio di quanto qui si afferma, proponiamo un altro punto cardine: la velocità. Quale attinenza ha la velocità con le quote di sorvolo non idonee alla formazione di contrails? E' presto detto.

Gli aerei commerciali sono progettati per volare a notevole velocità (600/900 km/h) in condizioni di atmosfera rarefatta, laddove la resistenza aerodinamica è molto bassa. Alle altitudini di 27.000/38.000 piedi, tale velocità può essere mantenuta senza problemi ed inoltre si ha un minore consumo di carburante per via della minima resistenza opposta dall'aria. Per questo motivo ed anche per ragioni di sicurezza, i voli commerciali hanno l'obbligo (salvo che per atterraggio e decollo) di disporsi, nel minor tempo possibile, su corridoi aerei predisposti opportunamente a quote molto elevate. Da quelle altezze gli aerei di linea, è bene precisarlo, non sono osservabili da terra.

Il punto focale è che gli aerei progettati per volare ad elevate velocità solo ad alta quota, non sono adatti a mantenere quelle stesse velocità alle quote ove l'aria è più densa. Questo perché la resistenza aerodinamica ne provocherebbe il cedimento strutturale. In buona sostanza, se un 767, un A-330 o un A-320, tanto per proporre solo qualche esempio, volassero a 600/900 km/h a quota non di crociera (8/13.000 metri), ma a "quota cumulo" (1.300/1.800 metri), comincerebbero presto a perdere pezzi, sino a veder compromessa l'integrità strutturale. Questo è un elemento davvero importante, ai fini della verifica di quanto sin qui asserito. E' possibile verificare personalmente a quale velocità questi aerei militari, spacciati per velivoli commerciali, sorvolano le nostre campagne e le nostre città. Se, infatti, come mendacemente ci viene spiegato in ogni occasione, questi aeromobili fossero davvero riferibili a "voli di linea" ad alta quota, allora dovremmo constatare che essi incrociano a velocità prossime ai 600/900 km/h. Se, invece, la loro velocità fosse nettamente inferiore a quella di un volo regolare, allora saremmo di fronte ad un "volo di linea fake", con tanto di livree contraffatte. [1] Si deve escludere che il punto di osservazione sia nelle prossimità di uno scalo aereo e che l'aeroplano non sia in fase di decollo o atterraggio.



[1] A seguito di recenti osservazioni, possiamo arguire [inventarci] che alcune rotte civili sono dirottate su aree ben specifiche. Il pilota dirige verso il nuovo corridoio assegnatogli, anche deviando dalla sua rotta originaria, scende di quota ed attiva la dispersione dei composti chimici. Intanto FlightRadar24 ed altri strumenti simili segnalano correttamente la rotta, ma non la quota e tanto meno la velocità.


Calcolo della velocità

Il calcolo della velocità si esegue dividendo la distanza per il tempo impiegato a percorrerla. Nel "SI" (Sistema internazionale di unità di misura), la velocità si esprime in metri al secondo (m/s o m*sec-1) [allora, o scrivi sempre sec o sempre s - se vuoi prendere il SI allora e' s e basta], dal momento che distanza e tempo si esprimono rispettivamente in metri (e) e in secondi (s). ['e' ??? - e tu saresti un geometer? ma hai falsificatro anche il diploma?]

Sintetizzando il tutto in una formula, avremo la seguente formula:

Calcolo Velocità (m/s) = Distanza in metri / Tempo in secondi

Il calcolo della velocità è quindi un'operazione abbastanza semplice; maggiori "problemi" si possono, invece, incontrare nell'esprimerla con unità di misura diverse, ad esempio quando è necessario operare la conversione da m/s a Km/h e viceversa [difficolta' forse per i bambini della prima e seconda elementare perche' mi sembra che in terza le equivalenze si facciano]. Arriviamo alla risposta per gradi [cosi' forse capisce anche wlady].

Tenendo presente che un'ora equivale a 3.600 secondi (60 minuti x 60 secondi ciascuno), viaggiando alla velocità costante di un metro al secondo, si percorrono 3.600 metri (3,6 km) all'ora. Possiamo quindi affermare che

1 m/s = 3,6 Km/h

Trattandosi di una semplice equazione [equivalenza], per calcolare in m/s una velocità nota in Km/h dobbiamo moltiplicarla per 3,6. Viceversa, per passare da Km/h a m/s, la velocità va divisa per 3,6.

Da m/s a km/h: moltiplichiamo la velocità per 3,6
Da km/h a m/s: dividiamo la velocità per 3,6

Verifiche sul campo [terrazzino] hanno fornito velocità medie di 340 km/h. Abbiamo così dimostrato, seppure indirettamente, che gli aerei impegnati nel "cloud seeding igroscopico" non sono affatto vettori di linea ad alta quota, ma unità militari a "quota cumulo"! Infatti, noti due punti di sorvolo "A" e "B", si calcola il tempo di percorrenza e si applicano le formule sopra esposte. Buon divertimento!

Sponsorizza questo ed altri articoli fuffa su Facebook. Contribuisci ora con una marchetta!

28 comments:

  1. Ma questa roba non l'aveva già pubblicata?
    Che succede, è a corto di idee (!!!!) e deve riciclare le vecchie bufale?

    ReplyDelete
  2. "ma hai falsificatro anche il diploma?"
    a questo punto mi sa di si!
    L'operatore ecologico che passa sotto casa mia ne capisce di piu', spara meno castronerie e LUI si fa un mazzo tanto (l'ho visto passare a ripulire la trada alle 6 di mattina del 26 dicembre!)
    Sempre piu' patetico (straker, ovviamente)

    ReplyDelete
  3. sai starker merda, oggi il mafioso di Arcore se l'è presa nel culo, a te toccherà tra poco (e non solo metaforicamente) sei talmente IDIOTA, COGLONE, FALSARIO, LADRO, TRUFFATORE, MOLESTATORE, STALKER, IGNORANTE, INCOMPETENTE, PICOCEFALO, che FINIRAI IN GALERA (e Sanremo sarà più pulita).
    rosario FALSARIO marcianò: IN GALERA SUBITO
    antonio SCIACALLO DI MERDA marcianò, preso per il culo da TUTTI a a pulire le latrine con la lingua
    PS STRAKER PUPPA, ZTRET al macero

    ReplyDelete
  4. Ma con a disposizione n telemetri, pagliaccio straccione, che bisogno hai di sparare quest'accozzaglia di minchiate?

    Ma basta...

    Altro che laurea o diploma, penso che hai falsificato anche la licenza elementare.

    ReplyDelete
  5. ma perchè deve scrivere di aerei se non capisce un cazzo di aerei ??

    ReplyDelete
    Replies
    1. ma perchè deve scrivere se non capisce un cazzo ??

      FTFY

      Delete
  6. strkkino ti sei già sputtanato con le foto che tu, idiota che non sei altro, hai pubblicato. tu hai dimostrato che quello che oggi dici è falso. Questo post è un tentativo di creare una cortina fumogena per nascondere la puttanata galattica che hai fatto pubblicando le foto.
    Vedrete che adesso posterà a ritta di collo per distrare l'attenzione e poi le farà sparire.
    coglione coglione e coglione

    ReplyDelete
  7. Oggi ho visto un gabbiano che, dal mio punto di vista, sorpassava alla grande un tanker con scia, quindi volava almeno a 500 km/horari oppure incalcolabili m/sec(e)

    ReplyDelete
  8. Forse non ho capito e qualcosa mi sfugge, ma dopo uno sbrodolamento iniziale di invettive e lamentazioni, e un secondo capitolo di fisica-matematica avanzata sulla definizione di velocità e complicazioni relative sulle unità di misura, COME HA FATTO A MISURARE LA VELOCITA'? Come e dove sono le distanze e quali i tempi per dedurre come andavano gli aerei?
    Si limita a liquidare la questione con "verifiche sul campo", ma non porta una che è una misura, nè come l'abbia ottenuta.
    Se a qualcuno viene qualche dubbio, è per questo automaticamente un normalizzatore e negazionista ?

    ReplyDelete
    Replies
    1. Certo che sei un normalizzatore e negazionista! Infatti spiega tutto dettagliatamente qui:

      noti due punti di sorvolo "A" e "B", si calcola il tempo di percorrenza e si applicano le formule sopra esposte.

      Più chiaro di così! Sicuramente tutti i fess... gli attivisti hanno capito e stanno facendo ulteriori verifiche sul campo.

      Delete
    2. Non solo: ricordo allo straccione che lo spazio è a 3 dimensioni, mica si tratta di un'auto su una statale...

      Ma quali formule, poi... Delle SEMPLICISSIME equivalenze, sarebbe come dire che 'formule' sono '1 oncia troy = g. 31,1035 oppure 1 yard = 0,91 m. oppure... Ma che spreco bit a fare con un tale straccione...

      ilpeyote ma vHagare COGLIONE

      Delete
  9. Più che altro... al momento (MER 2 ore 22:30) nessuno ha ancora postato un commmento sul post originale di Strakkino...

    Il baratro si avvicina...
    I

    ReplyDelete
    Replies
    1. Neanche i fake.
      Strakkino, sei un coglione.

      Ubi maior, Strakkino cessat.

      Delete
    2. distanza dal baratro: 1561 m, ripeto 1561..

      Delete
  10. Il capra dovrebbe spiegare come fa a sapere che distanza percorre un aereo senza conoscerne la quota.

    Non parliamo della scemenza della velocità di volo a 350 km /h dato che a 300 km/h è in realtà in fase di atterraggio con i flap a 2

    Come fa poi a volare a 350 km/h se sotto FL100 si sta a 250Kias ?? non è che le sue "prove" sono fatte su aerei in atterraggio e le scie se le inventa o se le disegna sugli occhiali ??
    Chissà se sa cosa significa questo -->

    Heron one-zero-zero papa is turning right, heading oneniner-zero for about twenty miles to avoid

    ReplyDelete
  11. E si sta tagliando i coglioni da solo... :D
    Basta andare a vedere i limiti strutturali di alcuni aerei per verificare che la velocità da non eccedere è stabilita in frazioni di Mach, in genere siamo sull'ordine di 0.8 o 0,9.
    Il che rapportato a pressione al suolo e temperatura ambiente significa 990/1100 km/h. :D :D :D

    Pagliaccio

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ma dai, adesso non pretenderai pure che il PUPPATORE sappia distinguire tra velocità e numero di Mach... ma hai idea di quante equazione dovrebbe risolvere? E poi sai che bel gomblotto viene fuori quando si accorge che ci potrebbe essere di mezzo anche un tal signor Reynolds... di sicuro un rettiliano!
      Straker sei l'ingoranza assoluta!

      Delete
  12. Straker.. Stra... Sterker... (non ce la faccio devo proprio chiamarlo steker)...

    Il tempo di percorrenza è facile... basta il cronometro...

    Ma la distanza percorsa come la misuri? Hai steso un metro da qualche parte???

    Non mi dire che stai per proporre l'uso della trigonometria perchè sappiamo tutti che non la sai usare...

    Quindi di due dati che ti servono per calcolare la velocità te ne manca uno (la distanza percorsa).... Ergo la tua pappardella non dimostra nulla...

    E adesso attendiamo la successiva puntata, dove ti tirerai la solita mazzata nelle palle per cercare di dimostrare quello che non hai capito della cazzata che hai appena scritto.

    J.

    ReplyDelete
  13. Della serie: "Ho un calo di fantasia nell'inventare le mie troiate quotidiane..."

    http://img5.imageshack.us/img5/4572/kd6m.png

    Strakkino, sei un coglione.

    Ubi maior, Strakkino cessat.

    ReplyDelete
  14. Per una volta che potevano fotografare un aereo a bassissima quota (in genere non hanno mai le macchinette fotografiche con loro) questa si è "incasinata" con la macchinetta (come se poi fosse difficile da usare).
    Ma guarda te che sfiga...

    http://img203.imageshack.us/img203/6541/vgsi.png

    Strakkino, sei un coglione.

    Ubi maior, Strakkino cessat.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ma fanno la gara a chi è più imbecille?

      Delete
    2. è proprio vero che c'è chi non ha la minima vergogna a sputtanarsi su internet e a dimostrarsi un totale deficiente.

      Delete
    3. comunque una è in casa a guardare la TV si alza dice tho un aereo, prende la macchinetta (si sa tutti teniamo la macchina fotografica in mano tutto il giorno) l'aereo è ancora li visto che vola a 0,5 Km orari. le punta prova a scattare e ops è andato.
      Nemmeno le balle sanno raccontare

      Delete
  15. "[difficolta' forse per i bambini della prima e seconda elementare perche' mi sembra che in terza le equivalenze si facciano]"
    ma forse lo sQUACKquerone© ha studiato col metodo tedesco... lì ai bambini insegnano fin dall'asilo la teoria dei quanti
    contano sulle dita di una mano dicendo ad alta voce "uni, dui, tri... mmm, quanti!"

    ReplyDelete
  16. Straordinaria rivelazione!!!
    Il vero scopo delle scie chimiche!!!!
    http://www.segnidalcielo.it/2013/10/02/nasa-e-us-navy-chiudono-i-battenti-il-comando-della-us-air-force-interrompe-il-sistema-di-sorveglianza-dello-spazio/

    Le scie chimiche servono a non farci vedere che sta arrivando il secondo sole!!!!!

    La fine del mondo è vicina!!!!!
    Moriremo tutti!!!!!!

    ReplyDelete
  17. ecco come un idiota ed ignorante come straker riesce a spiegare concetti come Vne e Vmno. Ci può solo riuscire alla cazzo di cane, ed è quello che ha fatto.
    Così per informazione le velocita max di un A320 sono 350kts/M0.82
    a velocità indicata (I.A.S.) costante salendo di quota il numero di Mach aumenta ed a circa 30,000ft , i 350 kts equivalgono a M0.82, quindi a quote minori si è limitati dalla I.A.S. a quota superiori dal numero di Mach
    STRAKERPUPPA

    ReplyDelete
  18. Il pilota dirige verso il nuovo corridoio assegnatogli, anche deviando dalla sua rotta originaria, scende di quota ed attiva la dispersione dei composti chimici.

    Ma gli ugelli delle scie non venivano attivati da satellite?
    Mo i piloti fanno quello che gli pare?
    L'anarchia domina!

    ReplyDelete