L'immensa sputtanata a Zelig

Il blog che si sta visitando potrebbe utilizzare cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. fai click qui per leggere l'informativa Navigando comunque in StrakerEnemy acconsenti all'eventuale uso dei cookies; clicka su esci se non interessato. ESCI
Cliccare per vederla

Scopo del Blog

Raccolgo il suggerimento e metto qui ben visibile lo scopo di questo blog.

Questo e' un blog satirico ed e' una presa in giro dei vari complottisti (sciacomicari, undicisettembrini, pseudoscienziati e fuori di testa in genere che parlano di 2012, nuovo ordine mondiale e cavolate simili). Qui trovate (pochi) post originali e (molti) post ricopiati pari pari dai complottisti al fine di permettere liberamente quei commenti che loro in genere censurano.

Tutto quello che scrivo qui e' a titolo personale e in nessun modo legato o imputabile all'azienda per cui lavoro.

Ciao e grazie della visita.

Il contenuto di questo blog non viene piu' aggiornato regolarmente. Per le ultime notizie potete andare su:

http://indipezzenti.blogspot.ch/

https://www.facebook.com/Task-Force-Butler-868476723163799/

Thursday, October 24, 2013

Schegge sull'osso sacro (III) e speriamo che sia finita, ché il culo fa parecchio male, vero antò?


http://zret.blogspot.com/2013/10/schegge-sul-sacro-iii.html

Schegge sul sacro (III)



Qui Schegge sul sacro (II)

Il senso del mondo dev’essere fuori di esso. (L. Wittgenstein)

Sappiamo che la storia del Cristianesimo è molto diversa da quella che ci è sempre stata raccontata. I Messia, con ogni probabilità, erano due: entrambi esprimevano una mentalità tipica del mondo ebraico. Sappiamo che fu Shaul-Paolo (chiunque si celi dietro questo nome) a creare la religione cristiana col tempo cristallizzatasi nelle chiese istituzionali, tombe della spiritualità.

Nonostante ciò, il racconto cristiano è un mito, nel senso alto del termine. E’ mito come narrazione archetipica, storia che racchiude in sé il dramma cosmico. E’ una vicenda che, trascendendo la storia, si situa nel mondo del simbolo. Per questa ragione le saghe che raccontano di dei che s’incarnano, soffrono, muoiono e risorgono si diramano pressoché ad ogni latitudine.

Che cos’è dunque questo mito? Di quali simboli si nutre? E’ un evento che sembra descrivere la caduta (che sia volontaria o imprevista qui poco importa) dello Spirito nel tempo e nella materia ed il suo anelito a ritornare nella pienezza (il Pleroma degli Gnostici) primigenia. Dunque con Cristo siamo noi che vestiamo un involucro materiale, soffriamo e moriamo con lo scopo di risorgere, di ritornare a casa.

Sarebbe stato possibile percorrere un’altra strada, meno disagevole e dolorosa? Nessuno può saperlo… Ormai siamo qui, in questo mondo. “Il mondo nel quale siamo nati è brutale e crudele e, al tempo stesso, di una divina bellezza”. (Carl Gustav Jung) Come il mondo portiamo tutto il peso della contraddizione: siamo esseri ancipiti, prigionieri liberi, vittime di noi stessi, schegge che, pur illuminando la notte, la strappano.

Che cos’è la caduta? E’ anche il sorgere della coscienza, una catastrofe di proporzioni inimmaginabili, soprattutto quando essa si solidifica nel pensiero logico-discorsivo. Nietzsche denuncia questo declino. Egli vede nello spirito apollineo la luce accecante della ragione quadrata che fagocita il roseo chiarore dell’aurora.

Il sacro è aurorale, è una coscienza liminale, soffusa con le ultime ombre della notte mescolate ai primi barlumi dell’alba. E’ una coscienza immersa in una sorta di dormiveglia, in uno stato in cui i pensieri evaporano nel sogno. E’ una coscienza nascente, forse quella dei popoli arcaici che si immergevano, sino ad identificarvisi, nella natura, nel suo flusso vitale. Essi riuscivano a sublimare l’atrocità dell’esistere nell’arte, nel canto, nella poesia. La vita, linfa sacra, scorreva in ogni dove: nelle pietre, negli alberi, negli animali, nel vento, nelle stelle… Gli uomini erano esseri naturali e, quanto più obliavano sé stessi, erano sé stessi.

Oggi siamo inchiodati alla mente e crocifissi all’esistenza. Il simbolo della Croce evoca una tragedia universale che si ripete nella storia e nel singolo. E’ la tragedia della luce imprigionata nelle tenebre, anche della luce contraffatta. E’ la tragedia di chi sulla croce non ha neppure più la forza per sollevare il capo verso il cielo.

[1] La tensione apocalittica del Cristianesimo primitivo si esaurì presto ed oggi pochi si protendono verso una redenzione che, nella sua prossimità, pare confinata in un’immensa lontananza.


Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati di inventar puttanate


8 comments:

  1. Attenzione, attenzione, un altro giornalista venduto al potere!!!! o al podere?

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/10/24/complottista-militante/754868/

    ReplyDelete
    Replies
    1. This comment has been removed by the author.

      Delete
    2. Beh, per coerenza, quelli del Fatto Quotidiano dovrebbero chiedere conto al loro amico Beppe Grillo del fatto che questi prenda per buone varie panzane che girano sul web, oltre che dell'altro fatto che nel M5S prosperino fuffari come Messora oltre che storditi come Mister Microcip Microciop Bernini e Carlo Sibilla che si bevono come boccaloni qualsiasi idiozia complottista. Dovrebbe anche spiegare come mai nel movimento ci sia il noto fuffaro, oltre che bevitore di urina, Paolo Vanoli ...

      Delete
    3. La lista degli straccioni da quelle parti è lunghissima.

      Delete
    4. Oddìo, lunghissima è una parola grossa... Numericamente, sono sempre quattro gatti...

      Delete
    5. il fatto è che per essere grillini è necessario essere idioti, che pensa con la sua testa fa ombra al duce beppe NAZISTA grillo e va EPURATO subito.
      Dopo tutto se il PADRONE del movimento è un NAZISTA RAZZISTA e EVASORE FISCALE, che cazzi si può chiedere al movimento 5 stronzi?

      Delete
    6. alla lista aggiungerei con 4 morti sulla coscienza che sembrano non averlo mai turbato più di tanto.

      Delete
  2. Sappiamo che la storia del Cristianesimo è molto diversa da quella che ci è sempre stata raccontata

    Questo é sostenuto solo da cazzari e fuffari vari, come il professoruncolo ignorante, bilioso e acconguagliato ...

    ReplyDelete